/ Al Direttore

Al Direttore | 16 gennaio 2020, 12:27

Legambiente: “I tigli di Valgera ennesima dimostrazione di scarsa attenzione per l’ambiente”

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa a firma del circolo Gaia dell’associazione ambientalista

I tigli a rischio abbattimento

I tigli a rischio abbattimento

Un privato proprietario di un viale, tra corso Casale e Valgera, con circa 190 tigli decide di farli abbattere tutti: mercoledì è iniziato lo scempio. Secondo una perizia 33 erano ammalati. Secondo studi certi di agronomia forestale e di esperti in verde urbano la mortalità massima di alberi è del 5% e comunque molti alberi si possono "curare". In qual caso con una manutenzione non gravosa si potevano salvare almeno 180 tigli. Utili per tutti, non solo per il vicinato.

Come risaputo gli alberi producono ossigeno, assorbono CO2 e parte degli inquinanti, riducono le temperature in estate migliorano l'ambiente e il paesaggio valorizzano il territorio. In questi anni con gravi cambiamenti climatici e alti livelli di inquinamento incrementare le alberature è indispensabile, particolarmente in città.

La città di Milano sta mettendo a dimora oltre un milione di alberi, la città di Torino una delle più alberate d'Italia 32 mq pro capite di aree verdi urbane incrementa ulteriormente le aree e i viali alberati con una manutenzione efficiente. Asti con 12 mq pro capite, non risulta un progetto per incrementare il verde pubblico urbano, e non provvede a regolare il verde privato.

I livelli di inquinamento sono gravi nonostante in città e nelle vicinanze non siano presenti industrie inquinanti, e con il 95% delle caldaie sostituite negli ultimi 8 anni con sistemi meno impattanti. Stiamo sempre più peggiorando?

 

Giancarlo Dapavo - presidente Circolo Gaia Legambiente

Al direttore

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium