/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 29 maggio 2020, 14:34

"Stiamo lavorando per fare la Douja d'Or di Asti". Così il presidente Cirio presentando il piano a sostegno del turismo

Dopo l'ufficializzazione dell'11 maggio scorso sull'annullamento, il presidente crea un piccolo "giallo" astigiano

"Stiamo lavorando per fare la Douja d'Or di Asti". Così il presidente Cirio presentando il piano a sostegno del turismo

Il Salone del Libro di Torino lo faremo, così come stiamo lavorando per fare la Fiera del Tartufo di Alba e la Douja D’Or di Asti: a breve presenteremo il calendario degli eventi autunnali ed invernali”. A dirlo è il Presidente della Regione Alberto Cirio, che oggi alla Reggia di Venaria ha presentato il piano a sostegno del comparto turistico: in totale sono stati stanziati 40 milioni di euro.

DOUJA SI O NO?

Un'affermazione che, nell'Astigiano, coglie di sorpresa anche gli stessi organizzatori, la Camera di Commercio che l'11 maggio con un comunicato ufficiale aveva rinviato la manifestazione al 2021.

Se pur a malincuore, aveva spiegato Renato Goria presidente della Camera di Commercio, sentiti il Comune di Asti e la Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, partner fondamentali nell’organizzazione del Salone nazionale “Douja d’Or” e del Festival delle Sagre, con i quali ci siamo attivamente confrontati nell’intento di individuare possibili soluzioni, siamo costretti a rinviare le manifestazioni al prossimo anno” .

SOSPESO IL CONCORSO DEI VINI

Si tratta in effetti di eventi che richiamando migliaia di persone, non avrebbero permesso di garantire il rispetto delle regole di prevenzione dei contagi.

"Abbiamo purtroppo dovuto sospendere anche il Concorso nazionale di Vini, aveva aggiunto Goria, data l’impossibilità, in questo periodo di forti limitazioni, di gestire le Commissioni di degustazione dei campioni in gara”.

LE RISORSE INVESTITE PER LE IMPRESE IN DIFFICOLTÀ

In questi giorni, la Camera di Commercio di Asti sta preparando il bando per utilizzare le risorse dedicate alla manifestazione a favore delle imprese in difficoltà e per iniziative di rilancio del territorio, "consapevoli delle enormi difficoltà del presente, aveva detto Goria, vogliamo impegnarci a costruire, con la passione che ha sempre contraddistinto la Camera di commercio, un futuro per il territorio insieme agli enti, alle istituzioni e, soprattutto, alle nostre imprese”.

LA NOTIZIA COGLIE DI SORPRESA. UNA VOGLIA DI RILANCIO?

E ora questa notizia che coglie tutti di sorpresa. Naturalmente la manifestazione non sarebbe a settembre ma in autunno, magari in modo rivisitato in un anno così buio per la salute e l'economia.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium