/ Attualità

Attualità | 03 giugno 2020, 13:34

Villanova d’Asti, stanziati 16.000 euro di contributi una tantum per le fasce di popolazione più deboli

I contributi materialmente erogati varieranno da un minimo di 175 euro a un massimo di 475 e potranno venire richiesti da chi ha ISEE uguale o inferiore a 15.000 euro

Villanova d’Asti, stanziati 16.000 euro di contributi una tantum per le fasce di popolazione più deboli

L’assessorato alle Politiche Sociali del Comune di Villanova d’Asti, nel quadro delle azioni per il contrasto della crisi economica conseguente l’emergenza sanitaria, ha stanziato, così come avvenuto da diversi anni a questa parte, una consistente cifra al fine di concedere contributi una tantum alle fasce più deboli della popolazione. Il fondo stanziato è aumentato del 50% rispetto allo scorso anno (da circa 10.500 euro agli attuali 16.000) ed è stato incrementato anche il valore dell'ISEE (15.000 euro) così da ampliare il bacino, di cittadini, potenziale considerando il contesto drammatico dovuto all'emergenza Coronavirus.

“E' uno sforzo importante, e si è proceduto con gli atti amministrativi-burocratici nella scorsa settimana (variazione di giunta ed approvazione) da parte dell'amministrazione comunale, che ha l'obiettivo di andare incontro alle famiglie in difficoltà pur sacrificando risorse preziose da altri capitoli di spesa”, ha commentato il sindaco Christian Giordano.

I REQUISITI DI AMMISSIONE AL CONTRIBUTO sono:

 

  • residenza in Villanova d'Asti da almeno 12 mesi alla data di apertura del bando (04/06/2020);
  • possesso di ISEE, in corso di validità, uguale o inferiore a 15.000 euro
  • residenza nell’abitazione sulla quale sia stato contratto mutuo per acquisto 1^ casa oppure locazione, del valore annuo (escluso utenze e condominio), non inferiore ad 3.000 euro;
  • nel caso di coniugi legalmente separati, l’accesso al contributo è consentito solo al coniuge affidatario dei figli in via prevalentemente, ovvero con cui i figli convivono;
  • i componenti il nucleo familiare, incluso il coniuge separato, non devono essere titolari di proprietà, superficie, usufrutto oltre la sola casa di abitazione (compresa al più una pertinenza), appartenente ad una delle seguenti categorie catastali: A/2, A/3, A/4, A5/ A/6;
  • nel caso in cui uno o entrambi i genitori siano cittadini stranieri, almeno uno di essi deve essere titolare di permesso di soggiorno di lungo periodo.

L'importo contributo varierà da un minino di 175 euro ad un massimo di 475 In presenza di debiti pregressi nei confronti del Comune di Villanova d’Asti (esempio: tassa rifiuti, mensa, trasporto ecc.), il richiedente si vedrà defalcato il debito residuo oltre il quale verrà concesso il beneficio economico, in quanto riversato agli Enti Creditori

E’ possibile reperire i modelli di domanda sulla pagina delle news all'albo pretorio del sito del comune di Villanova d'Asti, a partire da domani oppure presso lo sportello del COGESA sito in via E. De Amicis 1 tel.0141/946247 – aperto nei seguenti giorni: martedì dalle 13.30 alle 15.30 - giovedì dalle 9.30 alle 12.30

Il modulo di domanda dovrà essere presentato allo sportello del COGESA  sito in via E. De  Amicis, dal 4 giugno al 16 luglio 2020

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium