/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 13 luglio 2020, 12:03

Per le vie della città torna "ViviAsti", appuntamenti musicali il venerdì e la domenica

Dal 17 luglio al 30 ottobre intrattenimenti musicali anche il collaborazione con l'Istituto di musica "Verdi"

MerfePhoto

MerfePhoto

Il nuovo Dpcm del 15 luglio che doveva rinnovare le regole sul distanziamento sociale e sugli assembramenti, slitta al 31 luglio e potrà mettere in discussione la gestione di sagre, fiere ed eventi.

Una novità che non preoccupa la gestione e l'organizzazione di ViviAsti" che partirà regolarmente venerdì 17 luglio per concludersi il 30 ottobre, all'insegna del rispetto delle regole.

Nelle serate di venerdì e domenica quindi la città e le sue vie, saranno coinvolte da intrattenimenti musicali nei dehors dei locali che aderiranno organizzando i venerdì musicali dalle 18 alle 24 e le domeniche "in acustico", sempre dalle 18 alle 24.

PER ADERIRE, OCCORRE COMPILARE APPOSITI MODULI

Al momento sono stati contattati gli esercenti che avevano già aderito lo scorso anno, ma possono aderire tutti compilando la modulista apposita, saranno raccolte le adesioni e promossa, da parte del Comune, la programmazione che sarà definita nei prossimi giorni.

Le informazioni alla mail manifestazioni@comune.asti.it o al numero 0141.399526

"Le attività  di una stessa via - fa sapere l'assessore alle Manifestazioni Loretta Bologna -potranno accordarsi per dividere le spese della Siae e i negozi potranno rimanere aperti e organizzare delle mini sfilate, sempre nel rispetto delle misure anti covid".

È stata firmata anche una convenzione con l'Istituto di musica "Verdi" per coinvolgere artisti di musica jazz  o classica, "una manifestazione ordinata ed elegante con le vie coinvolte in tutta sicurezza" chiosa Bologna. A collaborare sarà anche l'Ascom.

"Sono per rilanciare la città - ha aggiunto nella conferenza stampa di presentazione il sindaco Rasero - ma deve esserci scrupoloso rispetto, se ho il minimo dubbio si sta fermi. Sarà monitorato il corretto rispetto del disciplinare di adesione per permettere a tutti di godere al meglio le proposte musicali conciliando le esigenze di chi vorrà divertirsi ma anche di chi dovrà lavorare o riposarsi. Tutti dobbiamo contribuire alla ripresa economica".

Betty Martinelli

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium