/ Al Direttore

Al Direttore | 01 agosto 2020, 15:19

La piazza del popolo ora è salotto

Riceviamo e pubblichiamo una lettera aperta inviata dal consigliere di minoranza Mario Malandrone

La piazza in una foto d'archivio

La piazza in una foto d'archivio

Piazza San Secondo è il salotto della città, ci sono altre piazze-cit RASERO

Piazza San Secondo è nell'immaginario collettivo, la piazza del Sant. La piazza della politica, sorge il Comune. E' certo un gioiellino, una piazza che sicuramente è stupenda, nonostante alcune brutture architettoniche.

"Fin dall'XI secolo, la Collegiata del Santo risulta in primo piano nella politica astigiana, in questo senso, nessun potere vescovile riuscì a privarla di autonomia, diventando nei secoli il crogiuolo delle forze ed aspirazioni del comune, ma anche un'importante area di scambi e di attività economiche, tale da valerle il titolo di San Secondo "de mercato".

Il progressivo disinteresse dei vescovi alle vicende cittadine, fecero sì che i principali avvenimenti politici e commerciali della città avvenissero nella chiesa o nelle sue immediate vicinanze."

La storia non ha mai identificato però nella piazza solo un luogo di relax, ma la ha collocata al centro della Politica istituzionale e di ogni avvenimento, iniziativa, protesta. Un cuore economico e politico. Ecco perché nell'immaginario dei cittadini e degli abitanti delle frazioni è il centro "laico", dove avvengono scambi, confronti, preferita a tante altre piazze molto belle.

La decisione di Rasero di renderla non fruibile a eventi di associazioni e politiche che non si limita solo alle manifestazioni politiche, ma al mercato del biologico, alle iniziative di volontariato, sa tanto di creare una "Zona rossa" intorno al Palazzo.

In quel Salottino ovviamente lui può essendo il Sindaco esibirsi in assemblee, fu lì che fece il primo consiglio, in pulizie a mano e tecnologiche ecc ecc...

Premesso il rispetto per aree monumentali, mi ha sempre infastidito l'uso di parti della piazza per appendere striscioni, basterebbero delle regole chiare.

Ma la piazza San Secondo è la piazza delle assemblee, dei capannelli, delle contraddizioni di opinioni diverse, non toglietele il suo valore storico di una piazza meno "sacra" e più popolana.

Mario Malandrone - Consigliere comunale Ambiente Asti

Al direttore

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium