/ Attualità

Attualità | 26 febbraio 2021, 08:00

L'assessore regionale Caucino visita l'Atc di Pavignano e annuncia: "Pronti 10 mln per sistemazioni alloggi"

Serviranno alle 3360 alloggi sfitti in tutto il Piemonte. Ad oggi nel Biellese sono 130 le unità abitative in attesa dei lavori.

Foto Fulvio Feraboli

Foto Fulvio Feraboli

L’assessore regionale al Welfare, con delega alla Casa, Chiara Caucino, ha effettuato nella mattinata di giovedì 25 febbraio, una serie di sopralluoghi nelle residenze di edilizia popolare gestite da Atc nella provincia di Biella, con l’obiettivo di verificare personalmente la situazione in vista del lancio di un piano di recupero regionale dell’edilizia residenziale pubblica che partirà proprio dal territorio biellese. 

L'incontro con i media è stato all'Atc di Pavignano, in Strada Antica per Andorno. Con l’Assessore erano presenti anche il presidente dell’Atc Piemonte Nord, Marco Marchioni e l’assessore alle Politiche abitative del Comune di Biella, Isabella Scaramuzzi.

"Ho fatto i cinque anni delle elementari proprio qui a Pavignano e conosco bene la situazione di questa casa Atc -commenta Caucino-. Per il Biellese abbiamo oltre 1500 immobili di edilizia residenziale pubblica gestiti da Atc. In Piemonte sono oltre 50 mila. Di questi 3360 sono sfitti, non possono essere assegnati perchè tutti bisognosi di interventi di manutenzione. La mia azione sarà indirizzata a questa tipologia di abitazione. Per quanto riguarda gli immobili nel Biellese, stiamo parlando di circa 130 unità abitative".

La previsione dell'assessore Caucino è di giungere alla sistemazione per l'assegnazione di almeno la metà di questi alloggi entro un tempo di 15-18 mesi. "Le lista d'attesa attuali parlano di 150 nuclei famigliari -prosegue l'assessore regionale-. Le risorse a disposizione di questi alloggi sono 2 milioni di euro. Ma non è tutto, abbiamo la possibilità di mettere in campo la prima tranche di fondi ex Gescal equivalenti a 8 milioni". 

Insomma 10 milioni in totale, a disposizione del Piemonte che verranno, tramite l'assessorato al welfare a alla casa, indirizzati alle tre Atc. "A quel punto, a cascata -conclude Chiara Caucino- andranno a sviluppare un programma per i singoli territori. Quindi Biella sarà uguale a tutti gli altri. Grande voglia di cambiamento, rilancio". 

Fulvio Feraboli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium