/ Cronaca

Cronaca | 04 agosto 2021, 09:22

Violenta una ragazza di 24 anni al parco Lungotanaro. I carabinieri arrestano ventottenne

L'uomo dopo una cena con promessa di lavoro, l'ha portata in una zona appartata consumando la violenza. La giovane ora, accolta nella 'Stanza tutta per sè', sarà seguita dall'Orecchio di Venere

Violenta una ragazza di 24 anni al parco Lungotanaro. I carabinieri arrestano ventottenne

Ad Asti, un uomo di 28 anni di nazionalità albanese, da anni residente nell'Astigiano è stato arrestato dai carabinieri per violenza sessuale nei confronti di una ragazza di 24 anni.

I fatti sono avvenuti qualche giorno fa nell'area del lungo Tanaro.

I due giovani si erano conosciuti la stessa sera, presentati da amici comuni e sono andati a cena per parlare di lavoro in occasione dell’approssimarsi del periodo della vendemmia e la ragazza, straniera e senza famiglia ad Asti, ha visto per lei un'opportunità.

L'uomo infatti lavorava come bracciante tra Asti e Canelli.

Secondo i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile, guidati dal tenente Roberto Iandiorio, però, le intenzioni erano diverse. Dopo aver convinto la vittima a fare una passeggiata nell’area del lungo Tanaro, l'ha costretta, in un'area appartata, a subire violenza.

La vittima ha coraggiosamente denunciato il fatto ai carabinieri e le sue dichiarazioni hanno consentito l’apertura delle indagini da parte della Procura di Asti e trovato riscontro in ulteriori testimonianze, soprattutto da parte degli amici comuni e di persone che l'hanno sentita urlare.

A carico dell'uomo gravi indizi di colpevolezza. La ragazza è stata accolta nell’ambiente protetto della “Stanza tutta per sé”, per ricostruire un accogliente mondo 'familiare'.

La stanza è presente all’interno del comando provinciale carabinieri di Asti,  in attesa di essere affidata, per il successivo sostegno, al Centro Antiviolenza “Orecchio di Venere” di Asti. 

L'uomo è in carcere a Torino.

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium