/ Al Direttore

Al Direttore | 11 agosto 2021, 07:12

Morte sul lavoro, la Cisl Fp Alessandria Asti: "Serve un piano serio di rispetto delle regole"

Secondo Salvatore Bullara ad Asti non ci sono più ispettori Inail, all'Inps gli ispettori in servizio sono 6 e all'Ispettorato del lavoro ci sono 11 persone

Morte sul lavoro, la Cisl Fp Alessandria Asti: "Serve un piano serio di rispetto delle regole"

Dopo la tragica morte del tecnico di 56 anni, Giorgio Tibaldi, ieri in un negozio di corso Alfieri ad Asti, anche la Cisl Fp di Alessandria Asti, tramite le parole di Salvatore Bullara si interroga sul'ennesima tragedia.

"Il PNRR - scrive Bullara - parla di resistenza e resilienza, a quando un piano serio di rispetto delle regole? Anche d’estate, con il normale svolgimento delle attività lavorative, gli infortuni continuano a verificarsi con una frequenza che invece non possiamo e non dobbiamo affatto considerare normale, e ieri è stata la provincia di Asti a registrare l’ennesimo lutto sul lavoro".

I controlli in materia di sicurezza sul lavoro sono demandati alle ASL e all’INAIL e, solo per costruzioni e cantieri edili, agli Ispettorati territoriali del lavoro i quali svolgono la“vigilanza tecnica”.

"Il decreto legislativo 149 del 2015, che ha trasformato le Direzioni Territoriali del Lavoro in Ispettorati Territoriali del Lavoro e ha creato il nuovo Ente Ispettorato nazionale del lavoro, spiega Bullara, ha stabilito anche che gli Ispettori dell’INAIL e dell’INPS costituiscono un ruolo ad esaurimento e operano sotto il coordinamento dell’INL (finanche con tessera di riconoscimento INL), pertanto questi Enti non possono procedere a nuove assunzioni di Ispettori per le materie di loro competenza, riversando così tutto il carico di lavoro sul nuovo Ente e sui funzionari che avevano comunque già ereditato tutte le diverse funzioni e tutti i controlli svolti in precedenza dalle Direzioni territoriali del lavoro".

Per il responsabile Cisl Fp, il pretesto per la creazione del nuovo Ente è stato l’unificazione dei controlli sulle aziende e una maggiore efficienza di questi, i risultati però sono stati disastrosi: a sei anni dall’emanazione del decreto legislativo non solo il numero totale dei controlli è diminuito e il recupero dell’evasione contributiva è crollato a picco, ma perfino il numero degli accertamenti in materia di sicurezza svolti dall’INL si è dimezzato (dai 22.805 del 2017 ai 10.179 del 2020, Fonte INL).

"Insomma, prosegue, in un colpo solo si sono azzoppati i servizi ispettivi dell’INPS e dell’INAIL e si è caricato un nuovo Ente di una responsabilità, di compiti che gli erano quasi totalmente estranei e di un carico di lavoro, tali da destinarlo ad un sicuro fallimento nonostante tutta la buona volontà e l’impegno degli Ispettori del lavoro.

A ogni infortunio mortale sul lavoro si parla di assunzioni di nuovi ispettori INL, ma se il ruolo degli ispettori dell’INL in materia di sicurezza è marginale, non è una questione di quanti siano gli Ispettori che abbiamo in servizio, e quindi la soluzione prospettata appare più simile alla famosa supercazzola di Tognazziana memoria che non ad una risposta seria all’esigenza di sicurezza sul lavoro, rispetto della vita e dei diritti dei lavoratori".

Il funzionario ricorda che recentemente il Movimento 5Stelle aveva presentato un emendamento al decreto legislativo in materia di disposizioni per la razionalizzazione e semplificazione dell’attività ispettiva in materia di lavoro e legislazione sociale che prevedeva la cancellazione del ruolo ad esaurimento degli Ispettori di INPS e INAIL, "ma questo è stato poi ritirato senza alcuna spiegazione ufficiale".

"I cittadini, che siano imprenditori, lavoratori autonomi o dipendenti, reclamano e hanno diritto a risposte serie e al rispetto delle regole a presidio della propria salute. Il Piano Nazionale di Resistenza e Resilienza, con tutti i progetti e le opere pubbliche ricomprese, è cosa buona e giusta e strumento imprescindibile per la rinascita del Paese, ma se non si vuole abdicare al rispetto dei diritti costituzionali dei cittadini deve obbligatoriamente accompagnarsi alle garanzie e ai controlli in tema di sicurezza nei luoghi di lavoro che come CISL da sempre rivendichiamo, insomma volendo utilizzare sempre l’acronimo PNRR, ad un serio Piano di Rispetto delle Regole, e in questo senso l’abolizione del ruolo ad esaurimento con l’immediata assunzione di un corposo contingente di Ispettori INPS e INAIL e la restituzione agli Ispettorati Territoriali del loro ruolo originario sarebbe un confortante segnale che la Politica (quella con la P maiuscola) si prende veramente a cuore le problematiche dei lavoratori e del lavoro.fp.alessandria.asti@cisl.it

Ispettori del lavoro nelle due province di Asti e Alessandria

- Ad Asti non ci sono più ispettori dell’INAIL, all’INPS gli ispettori in servizio sono 6
e all’ITL gli ispettori del lavoro sono 11 (di cui solo uno fa vigilanza tecnica), compresi
i 2 carabinieri del N.I.L.;

- Ad Alessandria gli ispettori dell’INAIL sono 2, all’INPS gli ispettori in servizio sono
6 e all’ITL gli ispettori del lavoro sono 21 (di cui solo due fanno vigilanza tecnica),
compresi 2 Carabinieri del N.I.L..

Proprio per la scarsezza di Ispettori l’INAIL ha accentrato gli ispettori rimasti tutti presso la sede regionale. In tutto il Piemonte sono solo 21.

L’INPS è rimasto con circa 70 ispettori per tutto il Piemonte (a fronte dei 150 di solo qualche anno fa) e in provincia di Vercelli l’ultimo ispettore è andato in pensione nel 2019, così che attualmente la provincia vicina è coperta da due ispettori di Asti e Torino

Al direttore

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium