/ Agricoltura

Agricoltura | 17 settembre 2021, 15:06

La Regione chiederà lo stato di eccezionalità per gli eventi atmosferici dello scorso giugno

Sulla base dei calcoli dei tecnici regionali, le aziende agricole piemontesi hanno subito danni per un ammontare complessivi di 3,7 milioni di euro

Uva colpita dalla grandine in un vigneto Astigiano

Uva colpita dalla grandine in un vigneto Astigiano

In relazione alle eccezionali grandinate avvenute il 20, il 24 e il 29 giugno scorsi nelle province di Asti, Biella, Novara e Vercelli – eventi atmosferici che hanno colpito le colture e sono riconosciuti al pari delle calamità naturali secondo la normativa europea e la legge dello stato 106/2021 – la Giunta regionale del Piemonte ha stabilito di richiedere al Ministero delle Politiche Agricole lo stato di eccezionalità per i danni subiti.

Nel provvedimento approvato oggi dalla Giunta vengono individuati i territori danneggiati e si definisce l’entità complessiva dei danni che ammonta a 3,7 milioni di euro, quantificata dagli uffici dell’Assessorato regionale all’Agricoltura a seguito della documentazione pervenuta dalle amministrazioni comunali.

L’assessore regionale all’Agricoltura e Cibo Marco Protopapa sottolinea l’importanza della dichiarazione di eccezionalità da parte del Mipaaf per gli ingenti danni che hanno subito le aziende agricole piemontesi interessate dalle violente grandinate, passaggio fondamentale per accedere ai contributi del Fondo di Solidarietà Nazionale.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium