/ Cronaca

Cronaca | 17 gennaio 2022, 19:35

Condannato a 4 anni per maltrattamenti e lesioni a danno di moglie e figli

Un incubo che la donna, affetta da epilessia, ha vissuto dal 2012 al 2020, quando lo ha denunciato dopo un tentativo di strangolamento

Immagine d'archivio violenza sulle donne

Oltre otto anni di violenza e la paura di dire addio a un uomo che ha sempre amato. Si è chiuso con una condanna a 4 anni di reclusione il processo a carico di un uomo, di origini africane, residente nella provincia di Asti.

Difeso dall'avvocato Pittatore, era accusato di maltrattamenti e lesioni aggravate ai danni della moglie, con cui aveva 4 figli minori, che spesso avevano assistito alla violenza, parti civili con la madre con l'avvocato Davide Arri.

Uno dei figli, poi, durante il processo ha raccontato di aver subito lui stesso maltrattamenti dal padre. La donna, in aula, ha raccontato che l'uomo, dal 2012, la picchiava, le tirava i capelli, la prendeva a pugni, insultandola perché soffriva di epilessia. Le diceva che, se fosse arrivata a denunciarlo, lui l'avrebbe lasciata colma di debiti per tornare in Africa e sposarsi con un'altra.

Un gesto che farà dopo la denuncia della donna, avvenuta nel febbraio 2020 in seguito a un tentativo di strangolamento. Il pm Davide Greco aveva chiesto una condanna a 4 anni e 9 mesi. Il Collegio, presieduto dal giudice Marco Dovesi, con Matteo Bertelli Motta e Roberta Dematteis, lo ha condannato a 4 anni e al pagamento di una provvisionale di 20mila euro.

“La giustizia ha fatto il corso – commenta l'avvocato Arri – Ora la mia assistita potrà cercare di ricominciare la sua vita, libera dalla violenza.

Elisabetta Testa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium