/ Politica

Politica | 21 gennaio 2023, 10:44

L’associazione ‘CambiAMO Asti’ chiede lumi sulla candidatura della città a Capitale della cultura 2025

E in una nota denuncia: “Il dossier presentato s’intitola ‘Dove si coltiva la cultura’, eppure ci sembra che la cultura sia poco coltivata quando si vede lo stato indecoroso in cui è mantenuta, nel cimitero cittadino, la tomba Omedè-Ricciardi”

L’associazione ‘CambiAMO Asti’ chiede lumi sulla candidatura della città a Capitale della cultura 2025

“Com’è stato ampiamente pubblicizzato nei mesi scorsi dal sindaco e dall'assessore alla Cultura – fa sapere l’associazione ‘CambiAMO Asti’ in una nota – anche la città di Asti ha presentato la sua candidatura a diventare Capitale italiana della cultura 2025, con tanto di sponsor importanti come Vittorio Sgarbi”.

“Il dossier presentato – prosegue la nota – s’intitola ‘Dove si coltiva la cultura’, eppure ci sembra che la cultura sia poco, pochissimo coltivata quando si vede lo stato indecoroso in cui è mantenuta, nel cimitero cittadino, la tomba Omedè-Ricciardi. Certo non tutti gli astigiani sono tenuti a conoscere il nome e l'importanza dell'autore, lo scultore Leonardo Bistolfi, al quale sono dedicate cinque sale nel Museo Civico di Casale Monferrato e le cui opere sono esposte anche al Museo d'Orsay di Parigi”.

“L'assessore alla Cultura e gli esperti – precisa la nota – di cui crediamo si circondi, dovrebbero invece sapere che il Bistolfi fu uno dei più importanti esponenti del simbolismo italiano e che la tomba Omedè-Ricciardi è certo tra le sue creazioni più note e rilevanti. Di gusto classicheggiante, con uno sguardo attento all'iconografia dell'Antica Roma, legata ai temi del lavoro e della famiglia, ospita le spoglie mortali dei coniugi Vincenzo Omedè ed Emma Ricciardi”.

“Omedè – specifica l’associazione – industriale e proprietario dell'omonimo maglificio, Grand'ufficiale dell'ordine della corona d'Italia, ma soprattutto generoso filantropo, meriterebbe una maggiore riconoscenza da parte di una città che ha tanto beneficato. Oggi la sua tomba è in uno stato pietoso, erbacce e sporcizia la ricoprono e la statua bronzea della vestale offre la sua anfora ad un altare ricoperto di cibo per gatti”.

“La prossima volta – conclude la nota – che il professor Sgarbi verrà ad Asti, invitiamo l’amministrazione comunale a fargli visitare la tomba, certi che apprezzerà questo luogo ‘dove si coltiva la cultura’, insieme alle erbacce. E cogliamo l'occasione per chiedere informazioni sull'esito della candidatura, di cui, dopo tanto parlare sui giornali, non si sa più nulla da mesi”.

Comunicato stampa


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium