/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 14 marzo 2023, 17:34

Al Teatro Alfieri di Asti le emozioni dei Mondiali del 1982. In scena 'Italia - Brasile 3-2"

In scena, dalle 21, Davide Enia. Nel 2022 si è celebrato il quarantennale dell’epica partita allo stadio Sarrià di Barcellona

Davide Enia (Ph. Tony Gentile)

Davide Enia (Ph. Tony Gentile)

Domani, mercoledì 15 marzo, al Teatro Alfieri di Asti con Piemonte dal Vivo, "Italia - Brasile 3 a 2, il ritorno", di e con Davide Enia, musiche in scena Giulio Barocchieri, Fabio Finocchio, produzione Teatro Metastasio di Prato, Fondazione Sipario Toscana

Uno spettacolo dedicato all’epica partita del mondiale di calcio del 1982. Davide Enia protagonista sul palco ne rievoca il ricordo, intriso di gioia, di quella vittoria. Ma quanto siamo cambiati noi, e il mondo, da allora? Cosa resta delle voci, delle gesta dei tanti protagonisti di quella avventura? Nel 2022 il doppio anniversario: il quarantennale dell’epica partita allo stadio Sarrià di Barcellona, durante il Mondiale di calcio del 1982, e il ventennale del debutto dello spettacolo Italia-Brasile 3 a 2.

Per l’occasione Davide Enia ha deciso di tornare a confrontarsi con il testo originale, riproponendolo in una nuova versione: il mondo è cambiato, diverse sono le urgenze, i vuoti urlano più dei pieni, si profila un conflitto sociale durissimo, la pandemia e il lockdown hanno rimesso in discussione il teatro, la sua urgenza, il suo fine.

Italia-Brasile 3 a 2 opera su un doppio binario: la coscienza collettiva e la coscienza intima. La partita della Nazionale contro il Brasile diventa uno strumento liberatorio, il suo ricordo è intriso di gioia. Ma c’è anche qualcosa che appartiene a una dimensione più profonda, legata a doppio filo con l’essenza del teatro stesso: il rapporto tra i vivi e morti. La presenza degli assenti continua a vibrare da questa parte della vita, e i tanti protagonisti di questo testo oggi non ci sono più: è morto Pablito Rossi, è morto Enzo Bearzot, è morto Sócrates, è morto Valdir Peres, è morto lo zio Beppe. "Eppure i loro occhi – commenta Enia – le loro voci, le loro gesta continuano a ripresentarsi come presenze vive, scena dopo scena, parola dopo parola, gol dopo gol, schiudendo le porte dell’inesprimibile, invitando ad abbandonarci al mistero, permettendoci di scorgere ciò che brilla nel buio e non fa male".

Comunicato stampa

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium