/ Attualità

Attualità | 30 maggio 2023, 20:25

Anche in Piemonte potrebbe arrivare la circoncisione per motivi rituali a carico dell'ASL "Serve a combattere la clandestinità"

La proposta del Pd è stata avanzata in Consiglio Regionale durante il question time. Canalis: "Seguire l'esempio dell'Emilia Romagna". Per ora c'è un ambulatorio multidisciplinare al Maria Vittoria

L'ospedale Maria Vittoria di Torino dove è presente l'unico ambulatorio interdisciplinare della Regione Piemonte

L'ospedale Maria Vittoria di Torino dove è presente l'unico ambulatorio interdisciplinare della Regione Piemonte

La circoncisione rituale diventi un servizio fornito dalla Sanità pubblica, per contrastare la pratica clandestina con tutti i rischi che comporta: è questa la richiesta che ha avanzato oggi il Pd in Consiglio regionale, durante il question time, per voce della consigliera regionale Monica Canalis.

L'esempio dell'Emilia Romagna

Dalla Regione, infatti, si fa notare che un'attività di questo genere viene già svolta presso l'ambulatorio multidisciplinare del Maria Vittoria, ma con un contributo alla spesa da parte delle famiglie. "Occorre imitare l’esempio della Regione Emilia-Romagna, che dal 2021 ha inserito la circoncisione rituale nell’ambito delle attività istituzionali del Servizio Sanitario Regionale - dice Canalis -. Solo in questo modo si può ovviare all’esclusione dai LEA nazionali (che comporta la partecipazione dell’utente alla spesa sanitaria) e all’aumento delle operazioni eseguite in clandestinità".

I rischi e la clandestinità

Si stima che a livello mondiale più del 30% della popolazione maschile sia circoncisa per motivi religiosi, culturali o preventivi. La circoncisione è un intervento chirurgico che può comportare dei rischi se non viene svolta da persone preparate e in luoghi idonei. "E’ difficile fare stime univoche sulle operazioni clandestine - ha concluso l'esponente del Pd -, ma tutte le fonti concordano sul fatto che negli ultimi anni in Italia sia aumentato sensibilmente il numero delle circoncisioni praticate clandestinamente, che vanno spesso incontro a emorragie, infezioni, cattive cicatrizzazioni e persino al rischio di morte. Per colpa della pandemia è aumentata la lista d'attesa nel SSN ed il costo della circoncisione in privato e di conseguenza il mercato nero e le circoncisioni fai da te. Una società sempre più multiculturale e multireligiosa dovrebbe aggiornare i LEA e le misure istituzionali per prevenire i rischi sanitari, a tutela specifica dei bambini".

Massimiliano Sciullo

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium