/ Al Direttore

Al Direttore | 13 febbraio 2024, 13:36

Nursind Piemonte: su alcuni temi attendiamo ancora risposte dalla Regione

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa sindacale che rimarca l'assenza di chiarimenti in merito a importanti aspetti di ambito sanitario

Nursind Piemonte: su alcuni temi attendiamo ancora risposte dalla Regione

Con una campagna elettorale già partita da tempo restano ancora aperti diversi temi importanti sui quali ancora non arrivano risposte.

Dopo tre mesi dall’ultimo incontro del 5 dicembre dell’osservatorio regionale è giunta finalmente la convocazione per il prossimo incontro per il 5 marzo. Ci si doveva vedere ogni mese per monitorare il processo delle assunzioni aggiuntive promesse e concordate, parliamo di 1500 nuove unità nel 2024 oltre il turn over, a fronte delle oltre 4000 unità mancanti, ma cosi non è stato.

Dobbiamo purtroppo evidenziare come la convocazione del tavolo con cadenza trimestrale non ci ha consentito ancora questo percorso che immaginiamo si concluderà il 5 marzo, considerato che è iniziata la campagna elettorale e le elezioni sono sempre più vicine. Ad oggi non sappiamo ancora se le aziende hanno provveduto a sostituire il turn over, dati che abbiamo richiesto, al netto delle circa 250 assunzioni dichiarate sino ad oggi dallo stesso Presidente. La sensazione è che non vi sia una attività così prolifica di reclutamento di personale nelle aziende e che i fondi fsc non siano ancora stati ripartiti.

Inoltre, la legge di bilancio ha finanziato per il comparto quasi 6 milioni di euro per sopperire alle carenze di organico attraverso prestazioni aggiuntive retribuite maggiormente, fino a 60 euro l’ora. Abbiamo chiesto un incontro alla regione come sindacati e siamo in attesa di riscontro affinché le risorse siano destinate appropriatamente.

Per quanto riguarda quelle relative all’abbattimento delle liste di attesa, non ci risulta che le aziende abbiano ricevuto ancora le risorse annunciate e pertanto a febbraio inoltrato non ancora operative in tal senso e non sappiamo se le risorse saranno destinate al pubblico o al privato convenzionato.

Le cot, le case ed ospedali di comunità sono un miraggio, non sappiamo ancora quanto senso abbia parlarne, visto che a queste condizioni e con l’attuale sistema, sarà impossibile poterle realizzare nelle modalità previste. Sino ad oggi abbiamo assistito a qualche inaugurazione che nulla hanno a che veder con le strutture ipotizzate e tra l’altro attraverso l’utilizzo dello stesso personale.

Intanto, l’aria che si respira nelle corsie e nei servizi non è positiva, non solo l insoddisfazione è un sentimento comune, ma si fa fatica a trovare qualcuno che nutra speranze. Come ogni anno, non arrivano dalla regione nei tempi utili, le risorse del decreto Calabria legati al salario accessorio. Tali risorse sono necessarie oltre che indispensabili per la definizione della contrattazione integrativa aziendale e il pagamento di alcuni istituti accessori. Il ritardo, come avvenuto gli scorsi anni è da ritenersi inaccettabile.

Abbiamo rappresentato al nuovo direttore generale di azienda zero le importanti criticità che sino ad oggi non si sono volute affrontare a proposito del personale del 118, come abbiamo ribadito più volte, anche Presidente Cirio, vanno garantite prerogative e diritti, oltre che la definire regole e procedure legittime e necessarie in questo nuovo sistema che non può diventare una giungla.

Di fronte a tutto ciò va detto che è impensabile per chiunque riuscire a governare aziende così grandi e complesse, lo stesso assessore lo aveva affermato tempo fa parlando di città della salute ad esempio, un sistema che non solo non ha portato alcun risparmio ma ha favorito precarietà, instabilità e disorganizzazione, oltre che poca integrazione. Ci piacerebbe capire e conoscere quale sia il piano socio sanitario annunciato.

Segreteria Regionale Nursind Piemonte

Al direttore


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium