/ Politica

Politica | 21 febbraio 2024, 14:15

Milleproroghe, Gadda (IV): «Dopo gli agricoltori, il governo tassa anche i religiosi»

«L’ultima legge di bilancio regala sorprese sgradite ogni giorno. Italia Viva ha depositato oggi emendamenti al decreto milleproroghe per eliminare questa stortura»

Milleproroghe, Gadda (IV): «Dopo gli agricoltori, il governo tassa anche i religiosi»

«Dopo gli agricoltori, il governo tassa anche i religiosi. L’ultima legge di bilancio regala sorprese sgradite ogni giorno. Italia Viva ha depositato oggi emendamenti al decreto milleproroghe per eliminare questa stortura». Così le parlamentari di Italia Viva, Maria Chiara Gadda, Maria Elena Boschi e Silvia Fregolent.

«Il contributo obbligatorio che i religiosi provenienti da Paesi Extra Eu devono versare per l’iscrizione al Servizio Sanitario Nazionale passa da 397,34 euro a 2000 euro. Va garantito il diritto alla salute a tanti sacerdoti, suore, frati che animano le nostre comunità e sono determinanti per la continuità di opere territoriali a favore delle persone più fragili e delle famiglie. Per altro questo contributo annuale non è stato nemmeno proporzionato alla effettiva presenza, visto che è il medesimo per chi rimane un anno o un mese. In Italia ci sono migliaia di religiosi che provengono da Paesi extra Eu, quintuplicare l’importo è una vessazione inutile che influisce poco sulle casse dello Stato mentre mette in ginocchio gli enti. Il governo ci ripensi, ha fatto inversione a U su tante cose lo faccia anche su questo».

C.S.


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium