/ Sanità

Sanità | 22 febbraio 2024, 07:20

I sindacati scenderanno in piazza contro i "contratti pirata" nel Terzo Settore

Mercoledì mattina si svolgerà un volantinaggio in programma presso la scalinata di piazza Campo del Palio

Immagine d'archivio

Immagine d'archivio

Ad un paio di settimane dall’iniziativa indetta per la tutela della sanità pubblica (CLICCA QUI per rileggere l’articolo), i sindacati astigiani torneranno a manifestare per una tematica affine, ovvero il rispetto degli impegni presi nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori del ‘terzo settore’ operanti nelle case di riposo e delle strutture per anziani, disabili e di salute mentale.

In una nota congiunta firmata da FP Cgil Asti, FP Cisl Asti, Uil FPL Asti e Uiltucs Asti, le sigle sindacali denunciando che alcuni gestori di queste strutture avrebbero deciso di applicare contratti collettivi nazionali peggiorativi, come il CCNL Anaste, che prevedono salari più bassi e diritti ridotti per i dipendenti. Si tratta di contratti “pirata”, firmati con sindacati vicini alle imprese e che i firmatari ritengono contrari agli interessi dei lavoratori.

“La Regione Piemonte, che in passato aveva dichiarato di essere contraria a questi fenomeni, aveva sottoscritto con i sindacati un protocollo per controllare e contrastare i passaggi a contratti pirata, prevedendo la perdita dell’accreditamento per le strutture che li applicano – afferma la nota –. Tuttavia, questo accordo non è stato rispettato e l’esodo delle aziende a contratti peggiorativi continua senza sosta. I prossimi passaggi interesseranno case di riposo nelle province di Asti e Novara”.

Pertanto, i sindacati chiedono all’assessore regionale al Welfare, Maurizio Marrone, e al presidente Alberto Cirio di intervenire con urgenza per fermare questa situazione e garantire l’applicazione e il rinnovo dei contratti collettivi “buoni” del comparto, che assicurano cura e assistenza a persone fragili e bisognose.

“Si tratta di un comparto fondamentale per il welfare regionale spiegano –, ma ancora invisibile e non riconosciuto, che si regge su condizioni di lavoro deplorevoli: turni massacranti, riposi inesistenti, bassi salari, carenza di personale, mancanza di controlli e sanzioni, violazione delle norme di salute e sicurezza”.

Per questo motivo, i sindacati hanno aperto lo stato di agitazione di tutto il personale impiegato nei servizi socio sanitari assistenziali educativi privati e accreditati, e hanno annunciato azioni di mobilitazione in tutti i territori della regione.

In particolare, ad Asti, dalle 10 di mercoledì 28 febbraio verrà allestito un presidio con volantinaggio presso la scalinata di piazza Campo del Palio e successivamente verrà consegnato al prefetto Claudio Ventrice un documento di denuncia e richiesta d’intervento nel settore da parte delle istituzioni regionali e nazionali.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium