/ Attualità

Attualità | 01 marzo 2024, 13:28

"Caro sindaco, in questa città ai nostri bambini viene negato il diritto all'istruzione"

Pubblichiamo a lettera aperta al sindaco del comune di Asti da parte di più di cento famiglie della scuola primaria Baracca, chiusa da una settimana per problemi alla caldaia

La scuola Baracca (Merphefoto)

La scuola Baracca (Merphefoto)

Pubblichiamo a lettera aperta al sindaco del comune di Asti da parte di più di cento famiglie della scuola primaria Baracca, chiusa da una settimana per problemi alla caldaia.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Caro Sindaco Rasero,

 siamo i genitori della scuola primaria Baracca e per l’ennesima volta siamo costernati e frustrati nel constatare quanto la scuola sia umiliata in questa città. La Baracca è chiusa dallo scorso lunedì per il malfunzionamento della caldaia. I nostri bambini, dopo aver sofferto le restrizioni causate dalla pandemia, le cui conseguenze continueranno a palesarsi ancora per molto tempo, devono continuare a subire l’inefficienza di una politica che non ha mai avuto come priorità il loro benessere e quello del sistema scolastico in generale. 

I problemi con il sistema di riscaldamento di oggi si erano presentati anche negli anni passati, ciò avrebbe dovuto suggerire ad un’amministrazione accorta la improrogabilità di un intervento risolutorio, preferibilmente durante il periodo estivo. Invece, evidentemente, le risorse messe in campo sono state insufficienti. 

Di fatto ai nostri figli viene nuovamente negato il diritto all’istruzione, ai genitori richiesto di tamponare l’emergenza con una straordinaria e tempestiva riorganizzazione familiare e lavorativa. L’istruzione obbligatoria non può essere un servizio eliminabile senza farsi troppi scrupoli, come se la continuità didattica possa subire interruzioni senza pesare sulla preparazione e serenità degli alunni. 

, Comprendiamo la gravità delle cause che hanno portato a questi provvedimenti, ma osserviamo l’assenza di volontà politica e competenza organizzativa per mettere in atto soluzioni meno pesanti di una chiusura tanto prolungata. La chiusura è una scelta troppo comoda per gli amministratori. Le famiglie e i bambini che ne stanno sostenendo il costo, chiedono l’immediata disponibilità di locali in cui riprendere le attività didattiche o la tempestiva riparazione della caldaia.

 I genitori della scuola primaria Baracca (più di cento famiglie sottoscrivono l’appello)

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium