/ Al Direttore

Al Direttore | 17 aprile 2024, 20:11

Lotta agli sbarchi o lotta all'ignoranza?

Riceviamo e pubblichiamo le considerazioni di una lettrice su un'imminente iniziativa di Fratelli d'Italia

Lotta agli sbarchi o lotta all'ignoranza?

Il 19 aprile si terrà ad Asti un incontro dal roboante titolo: "Lotta agli sbarchi" (CLICCA QUI per rileggere l'articolo). 

Gli organizzatori forse non sanno che nella stessa città si è tenuto un "percorso di formazione rivolto a insegnanti e aperto a tutta la cittadinanza" intitolato: "Frontiere" e organizzato dalla rete Welcoming Asti presso il circolo Acli "Foyer delle Famiglie", un vero peccato! Sarebbe stato molto istruttivo per loro, com'è stato per i numerosi partecipanti, ascoltare le parole del professor Maurizio Ambrosini, dell'Università di Milano, durante il primo incontro.

Infatti il professore, anche direttore di "Mondi migranti"', rivista di studi e ricerche sulle migrazioni internazionali, ha dato un quadro interessante e direi controcorrente riguardo il tema dell'immigrazione, basandosi su dati reali.

La parte che più mi ha colpito è stata quella che ha raccontato come "rappresentazione" e "evidenza statistica" del fenomeno migratorio in Italia siano piuttosto lontani tra di loro.

Qualche esempio:
La rappresentazione (fomentata da una certa parte politica, ovviamente) dipinge una situazione di immigrazione in aumento drammatico, mentre l'evidenza statistica ci dice che i dati sono stazionari.

Altro dato contrastante tra percezione e realtà è la motivazione per cui entrerebbero in Italia tanti migranti: sarebbe percepito che il motivo prevalente è la richiesta d'asilo, mentre la realtà è che le motivazioni di ingresso di stranieri sono costituite prevalentemente da lavoro e famiglia, e l'asilo risulterebbe marginale.

La percezione farebbe dire agli Italiani che stiamo assistendo a una immigrazione prevalentemente maschile, mentre si tratta al contrario di un fenomeno maggiormente femminile.

I migranti sono percepiti inoltre essere prevalentemente musulmani, mentre la maggioranza è costituita da appartenenti alla religione cristiana.

Trattando poi l'aspetto economico del fenomeno, si pensa in genere che l'immigrazione sia addirittura dannosa per le finanze dello Stato, mentre Ambrosini ha dimostrato che è assolutamente vantaggiosa, con un saldo positivo per lo Stato per più di 1 miliardo di Euro.

E veniamo ai barconi: i migranti che riescono a entrare nel nostro Paese su imbarcazioni per lo più di fortuna e che sopravvivono ai tanti, troppi che invece annegano nel Mediterraneo (più di 3.000 morti solo nel 2023 – dato Organizzazione Internazionale per le Migrazioni) sono una minima parte: i più infatti entrano con altri mezzi, e addirittura in maniera legale. Basta un visto turistico (ma non disponibile per tutte le Nazioni di provenienza) che poi, allo scadere, renderà illegale la presenza dello straniero che non lo può rinnovare.

Di che cosa stiamo parlando allora?
Forse solo di un argomento che alcuni politici usano per fomentare paure e odio, che non fanno certo bene alla nostra convivenza civile.

E, per tornare al titolo, la sola lotta che si vede necessaria è ancora una volta la lotta all'ignoranza (dal latino ignorantia, formato dal privativo "in" e dalla radice del verbo "(g)noscere", dunque "mancanza di conoscenza"), che spesso può risultare molto pericolosa.

Gabriella Sanlorenzo

Lettere al direttore


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium