/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 16 maggio 2019, 08:47

L'A.S.T.I. FEST entra nel vivo al Diavolo Rosso di Asti

Da sabato 18 inizieranno le conferenze. Si concluderà con Alessandro Melis

Alessandro Melis durante l'evento "Architetture sottili" nel 2015

Alessandro Melis durante l'evento "Architetture sottili" nel 2015

La terza edizione dell'A.S.T.I. FEST – Festival di Architettura Astigiano affronta le città di transizione e le città resilienti, approfondendo cinque temi chiave, ciascuno in una sessione di lavoro ad esso dedicata.

La sede degli incontri dei prossimi due fine settimana sarà un luogo vero esempio di resilienza: il “Diavolo Rosso”, in Piazza San Martino, 4. Si inizia sabato 18, dalle 10.00 alle 13.00, con le “Comunità urbane resilienti” che saranno presentate da Cristiano Bottone, Co-Fondatore di Transition Italia e della prima iniziativa di Transizione Italiana, Piero Pelizzaro, Chief Resilience Officer del Comune di Milano, Pietro Mezzi, Consigliere delegato all’Ambiente e al Territorio della Città Metropolitana di Milano, Massimo Giuntoli, Presidente OAPPC della Provincia di Torino, Cristina Coscia, Vicepresidente OAPPC della Provincia di Torino, Davide Tumiati, Dirigente Settore Pianificazione Territoriale Area del Territorio e dello Sviluppo economico del Comune di Ferrara.

Gli interventi proseguiranno dalle 15.00 alle 18.00 trattando il tema dell'Energia con Luca Chiusano, O.S.A. – Osservatorio per la Sostenibilità dell'Astigiano, Giorgio Cantino, titolare beLCA e ricercatore a contratto presso Dipartimento Scienze e Innovazione Tecnologica UNIUPO, G. Tiziana Gallo, ideatrice e coordinatrice tecnica del programma “Edifici Intelligenti” per Fano, Luca Lionetti, Reparto Formazione CasaClima, Francesco Fulvi, fondatore dell’Associazione Manifattura Urbana.

Domenica 19 maggio, dalle 10.00 alle 13.00, si discuterà di Mobilità sostenibile con Valentino Sevino, Direttore Area Pianificazione Mobilità AMAT Milano, Sergio Verrecchia, Consulente aziendale e progettista di sistemi bike sharing, Massimo Tocci, Consigliere nazionale FIAB, Presidente Associazione “CioCheVale”.

Sabato 25 maggio si terranno gli ultimi incontri tematici: dalle 10.00 alle 13.00 sarà la volta della rinaturalizzazione delle città con Ferruccio Capitani, Presidente A.I.A.P.P. Piemonte Valle d’Aosta e Architetto presso il Comune di Torino, Alessandra Aires, Segreteria A.I.A.P.P. Piemonte Valle d’Aosta e Architetto presso il Comune di Torino, Delphine Dall’Agata, Dottoressa/Borsista Fulbright, Antonio Marco Mangione, Project manager e amministratore di Emmegi srl e fondatore di Offgrid Italia.

Dalle 15.00 capiremo come utilizzare le risorse che le città offrono con Daniela Ciaffi, Docente Politecnico di Torino e Vicepresidente LABSUS - Laboratorio per la sussidiarietà, Nadia Fassone, membro del direttivo di Architettura Senza Frontiere Piemonte Onlus, Giovanni Campagnoli, Docente di economia e autore di “Riusiamo l’Italia. Da spazi vuoti a start up culturali e sociali”, Francesco Lipari, Fondatore di OFL Architecture, co-fondatore di Cityvision e membro della Comunità di fondatori di Farm Cultural Park a Favara.

Seguirà Alessandro Melis, Principal Lecturer Portsmouth School of Architecture, co-fondatore dello studio Heliopolis 21, Direttore dell’International Cluster for Sustainable Cities e curatore del Padiglione Italia della Biennale di Architettura di Venezia 2020, che terrà la sua Lectio Magistralis “L'equazione impossibile della città futura”.

A conclusione gli sarà conferito il premio “Fabrizio Gagliardi”, collega, professionista e insegnante che l'Ordine degli Architetti di Asti vuole continuare a ricordare.

Il programma completo e i dettagli degli interventi sono disponibili sul sito www.astifest.it, Facebook, Instagram o scrivendo a info@astifest.it

Comunicato stampa

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium