/ Solidarietà

Solidarietà | 23 gennaio 2020, 20:55

"ConTatti generativi", percorso di sostegno al Tappeto Volante di via Aliberti

Giovedì scorso si è parlato di affidi in collaborazione con la Compagnia di San Paolo

"ConTatti generativi", percorso di sostegno al Tappeto Volante di via Aliberti

Un folto numero di affidatari ha partecipato all’incontro che si è tenuto giovedì 23 gennaio, nei locali del Tappeto Volante di Via Aliberti, con il quale si è dato avvio al percorso di supervisione, affiancamento e sostegno previsto nell’ambito del progetto “ConTatti generativi” finanziato da Compagnia di San Paolo all'interno del bando In.TreCCI. 

 

L’affido, strumento utilizzato dal Servizio sociale per sostenere disabili, anziani e adulti in difficoltà, si realizza grazie alla disponibilità di cittadini volontari che si rendono disponibili ad offrire tempo e competenze per supportare la persona fragile nella gestione della quotidianità e favorirne la permanenza al domicilio. 

 

Dopo l'introduzione dei lavori da parte del dirigente del Settore servizi sociali, istruzione e servizi educativRoberto Giolito e della responsabile del Servizio anziani e disabili Ornella Lovisolo, lo psicologo Stefano Sanna e gli operatori dell'équipe affido adulti del servizio sociale hanno raccolto le aspettative dei presenti ed elaborato il programma degli incontri futuri durante i quali, applicando la metodologia della peer education,  gli affidatari “senior”, più esperti e già formati, affiancheranno lo psicologo e gli educatori del servizio nel formare e sostenere i nuovi affidatari.


Obiettivo è aumentare il grado di consapevolezza e competenza relazionale e sociale degli affidatari rispetto al proprio ruolo e incrementare la cultura dell'accoglienza, della condivisione e dell'appartenenza ad una comunità. 

In conclusione, il sindaco Maurizio Rasero e l'assessore Mariangela Cotto evidenziano come l’affido possa aprire inedite esperienze di reciprocità e relazione positiva tra affidatario e affidato, in cui anche la persona con fragilità diventa sostegno e fonte di apprendimento per altri cittadini, nell'ottica di un cambiamento culturale profondo volto ad una sempre maggiore inclusione sociale di tutti i cittadini.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium