/ Sport

Sport | 30 settembre 2020, 10:06

Giro d'Italia: il ct della nazionale di ciclismo, Davide Cassani, ieri ad Asti per la presentazione ufficiale della tappa Morbegno-Asti. Intervista

"La tappa più lunga e più facile, ci sarà spettacolo. Sono orgoglioso di ricoprire il ruolo di coordinatore generale delle nazionali. L'importante per me è aiutare il ciclismo giovanile"

Giro d'Italia: il ct della nazionale di ciclismo, Davide Cassani, ieri ad Asti per la presentazione ufficiale della tappa Morbegno-Asti. Intervista

Ieri ad Asti per il vernissage di presentazione della tappa astigiana Morbegno- Asti, la più lunga, la penultima e molto attesa tappa del 103° Giro d'Italia, il Comitato ha potuto fregiarsi di tanti ospiti prestigiosi e di Davide Cassani, commissario tecnico della nazionale italiana maschile élite di ciclismo su strada e reduce dal Campionato mondiale di Imola.

Ieri sera, dopo l'incontro lo abbiamo intervistato.

Davide Cassani con il Trofeo Senza Fine

Le aspettative per questo Giro d'Italia 2020, così particolare e che si corre ad ottobre anzichè a maggio

Le speranze per i colori italiani sono riposte in Vincenzo Nibali, ma anche di indossare da subito la maglia Rosa con Filippo Ganna, di vincere qualche volata, speriamo insomma che gli italiani siano protagonisti anche se ci saranno avversari di qualità che cercheranno di indossare la maglia.

Cosa pensi della tappa Morbegno - Asti?

La più lunga del giro e la più facile, dovrebbe e potrebbe essere l'ultima volata del Giro. Sono certo che ci sarà spettacolo.

Si è appena concluso il campionato mondiale a Imola, le tue considerazioni

Intanto c'è da dire che abbiamo portato a casa una storica vittoria con Filippo Ganna, per quanto riguarda la corsa in linea sapevamo che gli avversari erano più in forma perché uscivano dal Tour de France. Non ho potuto schierare Ciccone, Formulo, Moscon. Il nostro Nibali stava bene, ad un certo punto ha tentato di farsi largo, ma gli altri, su un percorso del genere, sono stati i più forti. Sono comunque orgoglioso di ricoprire il ruolo di coordinatore generale  delle nazionali. L'importante è aiutare il ciclismo giovanile.

CHI È DAVIDE CASSANI

Davide Cassani, 59 anni è il ct della nazionale di ciclismo, ex ciclista su strada e commentatore televisivo italiano. Professionista dal 1982 al 1996, vinse due tappe al Giro d'Italia.

Cassani al Tour de France

Il 28 gennaio 2014, con la nomina ufficiale da parte del Consiglio Federale della FCI, si insedia come commissario tecnico della nazionale italiana di ciclismo su strada maschile élite, succedendo a Paolo Bettini. Specialista nelle fughe da lontano e considerato uno dei migliori gregari nei primi anni novanta, ha ottenuto i suoi migliori risultati nelle corse in linea di un giorno. Può vantare al suo attivo 27 vittorie, più di 800 000 chilometri nelle gambe, oltre 1500 corse tra cui 12 Giri d'Italia, nove Tour de France (dove ha indossato la maglia a pois) e nove partecipazioni ai campionati del mondo.

G.P.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium