/ Green

Green | 25 ottobre 2020, 15:43

Inaugurato il percorso cicloturistico ed escursionistico “Dal torrente Belbo ai paesaggi delle colline UNESCO”

Finanziato al 90% dal GAL Terre Astigiane, si sviluppa tra i comuni di Castelnuovo Belbo, Bruno e Mombaruzzo

Inaugurato il percorso cicloturistico ed escursionistico “Dal torrente Belbo ai paesaggi delle colline UNESCO”

E’ stato inaugurato il percorso cicloturistico ed escursionistico “Dal torrente Belbo ai paesaggi delle colline UNESCO”, che si sviluppa tra i comuni di Castelnuovo Belbo, Bruno e Mombaruzzo. Erano presenti l’assessore Regionale Marco Gabusi, il presidente della comunità collinare “Vigne e vini” Fabio Isnardi, il presidente del Monferrato Nordic Walking Paolo Vercelli, il vice presidente del Distretto Paleontologico Giancarlo Miroglio e gli Amministratori locali.

Il progetto, finanziato al 90% dal GAL Terre Astigiane nel piano di sviluppo locale 2018, ha permesso di realizzare un itinerario a servizio dell’outdoor con l'apposita segnaletica informativa.

UN PERCORSO TRA LA NATURA E LA STORIA

L'itinerario prende l' avvio dell'Impianto sportivo di Castelnuovo Belbo e percorre la strada dell'argine sinistro del torrente Belbo chiusa al traffico veicolare, in parte asfaltata e in parte sterrata, inghiaiata e circondata da campi coltivati e da vegetazione riparia. Interessante la visita al museo Francesco Cirio nel palazzo Comunale.

Al termine si svolta a destra nella provinciale, si prosegue poi verso Bruno attraversando la SP Nizza Monferrato – Alessandria. Proseguendo a destra sulla strada pianeggiante, si percorre strada Rio sino al termine e si sale a Bruno Alto ove, attraversando il borgo storico, si giunge al belvedere della Chiesa dell'Annunziata da cui si gode un'ampia visuale sul castello dei Marchesi Faa di Bruno e sul paesaggio circostante.

Si prosegue poi sino alla SP4 in direzione Mombaruzzo. Dopo il cimitero si incontra un bivio con area di sosta e variante segnalata che si inoltra nella zona del “Bosco delle Sorti – la Communa”, incontrando prima la Chiesa della Misericordia, con ampia area verde, e successivamente un'area di sosta con posta per cavalli e casetta attrezzata. Ritornando al bivio si prosegue sino a Mombaruzzo, ove si consiglia la visita a Borgo Castello. Il percorso principale termina a Mombaruzzo Stazione, mentre una seconda variante dal concentrico di Mombaruzzo porta alla chiesa del Presepio sempre nella Zona di Salvaguardia.

“Un ringraziamento per la realizzazione di questo progetto – afferma Aldo Allineri, sindaco di Castelnuovo Belbo – va alla nostra consigliera Gina Terzano che ha seguito con passione e determinazione tutte le fasi del progetto unitamente ad Angelo Soave di Bruno, ai progettisti arch. Mariangela Migliardi e ing. Alberto Branda ed al Comune di Mombaruzzo che, in quanto capofila, si è accollato tutto l'onere burocratico e finanziario anticipando tutto l'importo”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium