/ Scuola

Scuola | 20 settembre 2021, 16:27

Oggi, come annunciato, il maestro Giampiero Monaca non è rientrato nella scuola di Serravalle

La dirigente Ventimiglia: "Nonostante gli annunci non è ancora arrivata la richiesta ufficiale". Il maestro si renderà disponibile per i pomeriggi non occupati dalle lezioni: "Si farà scuola fuori dalla scuola"

Il maestro al lavoro nella piccola yurta di Serravalle

Il maestro al lavoro nella piccola yurta di Serravalle

Le lezioni questa mattina, nella piccola scuola elementare di Serravalle d’Asti, Piero Donna, sono iniziate senza la presenza del maestro Giampiero Monaca che nei giorni scorsi aveva annunciato la sua aspettativa, rimarcando che da oggi non ci sarebbe stato.

Non ancora giunta la richiesta ufficiale di aspettativa

In effetti non era presente nelle classi a lui assegnate. La dirigente scolastica, Graziella Ventimiglia spiega: “Nonostante gli annunci Monaca non ha inviato alcuna richiesta ufficiale di aspettativa e non è presente per altri motivi previsti dalla normativa. Per il resto preferisco non commentare”.

In realtà la richiesta è stata presentata, spiega Monaca, “Ma pare la forma non sia corretta, la farò scrivere dall’avvocato così sarà sicuramente più chiara”.

I colpi di fioretto tra la dirigente e il maestro creatore di Bimbisvegli, continuano, resta il fatto che da oggi Monaca si è autosospeso, ma ieri a Serravalle ha lavorato con altre persone alla ricostruzione della piccola yurta che era stata distrutta mesi fa.

La metafora della piccola scuola e l'offerta di un potenziamento pomeridiano

“Una piccola ed esile struttura di stecchini, tenuta insieme da legami senza fondamenta, in una tensione continua ma capiente e resiliente - racconta Monaca -Una metafora della nostra scuola che non ha fondamenta strutturali”.

L’intenzione del maestro, non appena l’aspettativa sarà ufficiale, sarà quella di offrire alle famiglie e alla scuola di Serravalle il potenziamento pomeridiano “che - spiega -per ‘avarizia’ di organizzazione scolastica non si può fare. Insieme ad altri volontari di Bimbisvegli faremo 'scuola fuori dalla scuola' nei pomeriggi liberi per fare lezione diffusa all’aperto, una delle poche in Italia. Ci muoveremo nelle varie offerte culturali astigiane con chi desidererà venire e chi in qualche modo è lasciato fuori dall’orario di 27 ore. Racconterò la mia esperienza altrove affinché i semini di Bimbisvegli possano essere impegnati altrove facendo rete”.

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium