/ Cultura e tempo libero

Cultura e tempo libero | 24 settembre 2021, 09:00

Nizza: fari puntati sull'Oratorio Don Bosco. L'Unione exallievi: "È sempre aperto e molti ragazzi sono senza un responsabile presente"

Intanto Pietro Balestrino, che appoggia la lista Grasso, annuncia di aver già avuto incontri importanti per il progetto Oratorio

Nizza: fari puntati sull'Oratorio Don Bosco. L'Unione exallievi: "È sempre aperto e molti ragazzi sono senza un responsabile presente"

L'Oratorio Don Bosco di Nizza Monferrato è uno dei tanti temi presenti in entrambe le liste che si sfideranno i prossimi 3 e 4 ottobre alle elezioni. 

Nei giorni scorsi, a questo proposito, il Comitato Pro Oratorio - presieduto da Pietro Balestrino - ha organizzato una conferenza per fare il punto della situazione.

La storia del Comitato Pro Oratorio

"Il comitato si è costituito nell'agosto del 2013 - spiega Luigino Torello, presidente degli Exallievi salesiani dell'Oratorio - per salvaguardare l’Oratorio da speculazioni edilizie, in quanto nel 2013 c’era il progetto depositato in comune per costruire delle palazzine sui terreni dell’Oratorio. Il comitato, dopo varie battaglie, è riuscito a far ritirare il progetto di costruzione alla Diocesi". 

La struttura attualmente è proprietà della Diocesi di Acqui Terme e non del Comune. Nel 2000 i Salesiani donarono l’Oratorio alla Diocesi con un vincolo all’uso pastorale, culturale, educativo, sportivo e sociale in genere. Nel gennaio 2017 l’allora visitatore straordinario mons. Redaelli insieme al vescovo mons. Testore proposero al sindaco Simone Nosenzo di donare a titolo gratuito l’intera struttura.

"In quell’incontro il sindaco disse che avrebbe accettato la donazione - continua Torello - Da quella data sono ormai passati 4 anni e 8 mesi ma l’oratorio è sempre in stato di abbandono".

La situazione attuale, fanno sapere dall'Unione, non è delle migliori. "Nel 2018 durante il consiglio comunale - aggiungono - il consigliere di maggioranza Marcello Bellè dichiarò che l’Oratorio nello stato attuale non è agibile e in qualsiasi momento potrebbe cadere qualche calcinaccio sulla testa di qualcuno".

Attualmente la struttura è aperta. "Essendo aperto, sono molti i ragazzi che frequentano i cortili senza un responsabile presente - aggiungono - A dimostrazione di questo, qualche giorno fa un minore si è infortunato e i suoi amici sempre minorenni hanno dovuto chiamare il 118 per portarlo al pronto soccorso. Per fortuna alla fine nulla di grave, ma il problema è che in quel luogo può succedere qualsiasi cosa e non c’è nessun assistente". 

Come Unione exallievi era stato proposto un progetto al Comune per una gestione dell’Oratorio con la presenza di un animatore.

I giovani spesso vanno alla stazione per stare insieme

Per Bruna Corrado, che fa parte del Consiglio Exallievi del Comitato, "oggi i ragazzi di Nizza non hanno spazi fruibili tranne quelli a pagamento delle associazioni sportive e si rifugiano nei locali della stazione ferroviaria". 

Intanto Balestrino, che appoggia la lista Grasso, annuncia di aver già avuto incontri importanti per il progetto Oratorio.  

Elisabetta Testa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium