/ Sanità

Sanità | 21 ottobre 2021, 17:02

La pandemia un anno fa: il 3 novembre il Piemonte tornava zona rossa, ma questi erano i giorni del boom

Il 24 ottobre arrivò il DPCM con nuove restrizioni, poi il blocco. Oggi invece l'andamento è completamente diverso: allora, in 10 giorni, i numeri triplicavano. Adesso l'oscillazione è minima

Infermieri del Cardina Massaia di Asti

Infermieri del Cardina Massaia di Asti

Erano i giorni della grande paura, perché ogni giorno il bollettino con i contagi da Covid procedeva a passo di carica. A livello nazionale, ma anche regionale. Dodici mesi dopo, invece, la situazione in Piemonte appare decisamente diversa.

Anche se è presto per parlare di scampato pericolo, gli ultimi dieci giorni raccontano in cifre un inizio di autunno che - giorno dopo giorno - si allontana sempre di più dal 2020. Per farsi un'idea, lo scorso anno il premier Giuseppe Conte firmò due DPCM nel giro di pochi giorni: l'estate della speranza (o meglio, dell'illusione) era ormai alle spalle e il 24 ottobre scattarono nuove limitazioni. Un crescendo che, il 3 novembre, riconsegnò il Piemonte addirittura alla zona rossa. Con tutto quello che ne consegue e che ben ricordiamo.

Oggi, invece, la forbice si amplia giorno dopo giorno. La speranza è che sia la volta buona.

I dati giorno per giorno

La nostra analisi inizia dal 12 ottobre, quando la situazione era quantomeno comparabile. Nel 2020, infatti, i ricoveri in terapia intensiva erano 22, mentre dieci giorni fa erano 19. Una differenza più marcata la si trova già però sotto altri parametri: i ricoveri in terapia non intensiva erano 183, mentre un anno fa esatto erano 457. Le persone in isolamento erano 3013, mentre un anno fa se ne contavano 4984.

Se questo però è il punto di vicinanza più marcato, nella sequenza di giorni che arrivano a oggi la divergenza si fa a tratti enorme. Innanzitutto per i letti di terapia intensiva occupati: nel 2020 la progressione giorno su giorno fu 30, poi 33, poi 40, 43, 51, 55, 61, 62 e 74, il 21 ottobre 2020. Quest'anno, invece, i posti letto occupati sono stati 19, poi 20, poi sono scesi a 17, 16, ancora 20, per poi altri due giorni a 19, mentre oggi se ne contano 18. In calo. 

Le terapie intensive

La forbice si amplia ancora di più sotto altri punti di vista. Lo scorso 21 ottobre i posti di terapia non intensiva in tutto il Piemonte con pazienti affetti da Covid erano 1111, mentre solo dieci giorni prima erano 457. Quest'anno - a oggi - il dato è di 180 posti letto, in calo rispetto a ieri. E l'oscillazione nell'arco di dieci giorni è minima: il 12 ottobre 2021 erano 183.

 

Stesso discorso per le persone in isolamento: nella "corsa" dei numeri del 2020, erano saliti da 4984 (12 ottobre) a 12.250. Più che triplicati. Oggi sono 3283 e, dal 12 ottobre a oggi, si è passati da 3013 attraverso un'oscillazione minima.

La speranza è che la strada sia quella giusta.

Massimiliano Sciullo

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium