/ Sanità

Sanità | 13 maggio 2022, 10:28

I cinque pilastri del benessere di Fab SMS e il ruolo di Fab Lab

Abbiamo parlato con la presidente Marcella Borsani di presente e futuro del Comitato Tecnico-Scientifico di Fab SMS

Marcella Borsani, presidente FAB SMS

Marcella Borsani, presidente FAB SMS

Fab SMS è una Società di Mutuo Soccorso che dal 2011 eroga prestazioni socio-sanitarie e assistenziali, rimborsando le spese mediche effettuate presso strutture pubbliche e private, e che conta ad oggi oltre 37mila Assistiti.

La sua azione è rivolta sia ai clienti correntisti della Banca di Asti, all’interno dell’offerta Carta dei Servizi per la Famiglia - Programma Benessere Salutissima, sia ai clienti afferenti ad altri Soci Sostenitori.

In virtù della sua natura mutualistica, inoltre, Fab SMS promuove la cultura del benessere attraverso il sostegno ad iniziative sociali. Ne abbiamo parlato con la Presidente Marcella Borsani.


Presidente, su quali valori si fondano le attività sociali di Fab SMS?

Da sempre il valore principale col quale abbiamo voluto permeare tutte le attività di Fab SMS è stato quello di promuovere la cultura del Benessere, intesa come “essere bene”. A tale scopo, nel 2019 abbiamo compiuto un importante passo facendo evolvere le cinque foglie dell’Albero del Benessere, su cui si basano le nostre prestazioni, nei cinque Pilastri del Benessere: alimentazione, movimento, prevenzione, cura e assistenza. I Pilastri del Benessere In seguito a questo importante passaggio, abbiamo deciso di dotarci di un Comitato Tecnico-Scientifico, che abbiamo denominato “Fab Lab”.


Più concretamente, che attività avete svolto negli anni passati?

Sulla base dei cinque Pilastri del Benessere che ho appena citato, abbiamo sviluppato e promosso diverse attività. In merito alla prevenzione, ricordo che dedichiamo approfondimenti sul blog presente sul sito istituzionale e ci siamo dotati dei Camper della Salute, attraverso i quali eroghiamo prestazioni gratuite di prevenzione. Inoltre, abbiamo inserito all’interno dei nostri Piani Sanitari percorsi personalizzati di prevenzione. Infine, abbiamo realizzato delle pillole video dedicate ai nostri Assistiti e alla collettività realizzate in collaborazione con i professionisti che collaborano con noi sui Camper della Salute. Per quanto riguarda l’alimentazione, abbiamo dato il via nelle scuole primarie astigiane insieme a Città di Asti e Lions Club Host ad “ImMENSAmente buona”, il laboratorio permanente attraverso il quale i bambini, le famiglie e gli insegnanti possono approfondire le principali tematiche relative all’alimentazione con il supporto di qualificate figure professionali. Inoltre, abbiamo inserito nei nostri Piani Sanitari un innovativo servizio di counselling nutrizionale. In merito al movimento, a partire dall’anno scolastico 2015/2016 abbiamo promosso “BenEssere in gioco”, insieme alla Fondazione Cassa di Risparmio di Asti, al Polo universitario ASTISS e alla Città di Asti. L’attività di studio e ricerca scientifica è volta alla diffusione della cultura della salute e del benessere sottolineando l’importanza di una regolare attività motoria in tutte le fasce d’età. In questi anni, “BenEssere in gioco” ha coinvolto 16 Scuole di Istruzione Primaria del Comune di Asti, circa 150 classi e 3000 bambini di età compresa tra i 6 e gli 11 anni, consentendo loro di praticare settimanalmente un’ora aggiuntiva di scienze motorie.


Come ha influito l’arrivo del Covid su queste attività?

Tutte le attività sopra citate, compreso l’avvio delle attività del Comitato Tecnico-Scientifico, hanno subito ovviamente una battuta d’arresto con l’arrivo del Covid. Tuttavia, in questo periodo abbiamo trasformato il nostro impegno con attività a sostegno dei nostri Assistiti e della collettività legate alla pandemia in corso. In particolare, abbiamo messo a disposizione dei nostri Assistiti un plafond di 100.000 euro, reso poi illimitato, relativamente al Covid-19, oltre ad avere messo a disposizione alla Regione Piemonte i nostri Camper della Salute per aiutare i sanitari ad effettuare tamponi presso le RSA.

 

Quali sono i progetti per il futuro?

“Il 2022 è un anno molto importante per Fab SMS: siamo al lavoro per inaugurare il primo poliambulatorio a Biella al quale farà seguito quello di Asti, dove abbiamo già individuato il partner operativo. Due nuovi poli della salute nei quali offriremo un ampio ventaglio di prestazioni, con tariffe agevolate e una corsia di accesso preferenziale per i nostri Assistiti. Con la progressiva riduzione dell’emergenza Covid-19 inoltre, siamo pronti a ripartire con i progetti di promozione della cultura del benessere e dare vita operativamente al Comitato Tecnico-Scientifico “Fab Lab” che avrà un ruolo centrale nella realizzazione di nuove iniziative legate ai cinque Pilastri del Benessere. Il nostro intento è quello di continuare a valorizzare il territorio, anche attraverso l’implementazione di servizi quali la telemedicina e le cure domiciliari, in un’ottica di maggiore inclusione e coesione sociale, anche facendo riferimento agli obiettivi posti dall’Agenda 2030”.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium