/ Politica

Politica | 20 gennaio 2023, 18:25

Rasero replica a Decaro (presidente Anci): "Non può parlare a nome di tutti i sindaci"

Il sindaco di Asti e presidente della Provincia ha rimarcato l'importanza di tornare all'elezione diretta di presidente e consiglio provinciale

Il presidente della Provincia di Asti, Maurizio Rasero

Il presidente della Provincia di Asti, Maurizio Rasero

Intervenendo in veste di presidente della Provincia di Asti, Maurizio Rasero ha replicato con fermezza al comunicato stampa emesso ieri dall’ANCI (Associazione Nazionale Comuni Italiani) in cui vengono riportate le dichiarazioni di Antonio Decaro (presidente dell'Anci e sindaco di Bari) e Dario Nardella (coordinatore Anci dei sindaci metropolitani e sindaco di Firenze) sul tema delle Città metropolitane.

In particolare, Rasero ha espresso il suo forte dissenso alla dichiarazioni contenute nel comunicato in cui viene criticato il possibile ritorno all'elezione diretta degli organi delle città metropolitane, un modello che riguarderebbe anche le Province e che viene invece supportato dalla Provincia di Asti e dai sindaci dell'Astigiano come descritto nel "Manifesto dei Comuni della Provincia di Asti per la Riforma delle Province".

Pertanto Rasero ha inviato una lettera al presidente Decaro, finalizzata a chiedere chiarimenti in merito, e ha dichiarato di aver letto con “stupore e disagio le dichiarazioni di Decaro. Pensare che il Presidente dell'ANCI si sia esposto pubblicamente su argomenti così delicati senza un previo confronto con i sindaci non è edificante. Voglio credere si sia trattato di uno scivolone istituzionale e che venga presto rettificato, come gli ho chiesto nella lettera inviata”.

“Decaro non può parlare a nome di tutti i sindaci ha aggiunto il presidente della Provincia e sindaco di Asti – è evidente che si doveva prima consultare e riflettere. Non mi addentro nell'argomento ma credo si possa ragionare sulle città metropolitane in modo diverso; quel che è certo, invece, è che per le Province il ritorno all'elezione diretta di presidente e consiglio rappresenta un primo e fondamentale passo in avanti per ridare dignità ad enti così ingiustamente martoriati in questi ultimi anni sebbene ricoprano un ruolo fondamentale per i Comuni ed i cittadini. Per questo ribadisco: mi dissocio totalmente dalle parole e i toni usati da Decaro, in attesa di un suo opportuno chiarimento”.

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium