/ Attualità

Attualità | 02 ottobre 2023, 19:42

La via maestra? E' la Costituzione. In piazza per una nuova agenda su lavoro, casa e diritti [GALLERIA FOTOGRAFICA]

La manifestazione, organizzata dall'Associazione Articolo 32 su diversi temi di interesse cruciale, si è chiusa con l'intervento del segretario generale Cgil Piemonte Giorgio Airaudo

Alcune immagini della manifestazione (Merphefoto)

Alcune immagini della manifestazione (Merphefoto)

Oggi, il Comitato Articolo 32 ha organizzato un corteo rivendicativo chiamato "La via maestra di piazza in piazza" per affrontare temi cruciali quali lavoro, salute, migranti, istruzione e diritto alla casa. Questo evento è stato un'occasione per un confronto diretto con l'amministrazione locale.

Luca Quagliotti, segretario provinciale Cgil, ha sottolineato le sfide che l'Astigiano sta affrontando, in particolare la fine del reddito di cittadinanza. Questa decisione ha avuto un impatto significativo nella provincia, coinvolgendo oltre 4.000 persone, di cui 600 sono in attesa di una casa popolare, mentre all'inizio dell'anno precedente c'erano 46 famiglie in emergenza abitativa.

I dati del 2022 hanno rivelato una diminuzione del 18,9% delle iscrizioni di nuove imprese, un aumento del 21% delle chiusure di unità locali e un aumento del 25% dei fallimenti e delle procedure concorsuali. Sebbene sia emerso un aumento dell'occupazione pari al 4,3%, l'89% di queste nuove assunzioni riguarda contratti precari o a tempo determinato, con un notevole numero di lavoratori in staff leasing, cioè assunti da agenzie interinali anziché direttamente dalle aziende.

Il corteo è partito alle 18 dalla sede dell'Atc in via Carducci e ha attraversato le piazze Cattedrale, Roma e Medici prima di concludersi davanti al municipio.

Il segretario generale Cgil Piemonte, Giorgio Airaudo, ha tenuto un intervento finale, ribadendo l'importanza delle rivendicazioni e dell'impegno costante contro il declino del territorio.

Alessandro Franco


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium