/ Attualità

Attualità | 26 aprile 2024, 17:23

L'ordine di non suonare "Bella ciao" al 25 Aprile diventa un'interpellanza di Uniti si può e Ambiente Asti

“Bella ciao sia il canto che più di tutti identifica la memoria di chi più di 80 anni fa scelse di lottare per la Liberazione dal Nazifascismo del nostro paese"

L'avvocato Cardello con Stefania Morra e il vicepresidente della Provincia Simone Nosenzo (MerfePhoto)

L'avvocato Cardello con Stefania Morra e il vicepresidente della Provincia Simone Nosenzo (MerfePhoto)

Una manifestazione partecipatissima anche ad Asti ieri, 25 aprile, un momento sentito per ciò che rappresenta, turbato dal "giallo" di "Bella ciao", canto popolare italiano dedicato alla Resistenza italiana.

All'arrivo ai giardini, come ricostruito dal vicepresidente Anpi, avvocato Guido Cardello, è stato spiegato che la banda non l'avrebbe eseguita. Alla richiesta di spiegazione il direttore della banda ha comunicato di aver ricevuto l'ordine dal Comune. “Quindi ho chiesto chiarimenti all’ingegner Morra – ha continuato il vicepresidente Anpi – la quale mi ha risposto di non saperne nulla e ha a sua volta detto di eseguirla, come avviene ogni anno. Per convincerli a suonarla non è però stato sufficiente, tant’è che sono dovuti intervenire anche il comandante della Polizia Municipale e la viceprefetto”.

"Bella ciao" è poi stata eseguita regolarmente per ben tre volte, dato che alcuni componenti Anpi continuavano a cantarla.

Ma chi ha dato ordine di non suonarla? 

A questo proposito Vittoria Briccarello e Mauro Bosia di Uniti si può e Mario Malandrone (Ambiente Asti), hanno presentato un'interpellanza alla vicesindaco Stefania Morra e al comandante della polizia locale, Riccardo Saracco, per sapere chi abbia dato indicazioni alla banda di non suonare e se "sia stato un/a dirigente del Comune ad assumere tale iniziativa se la stessa sia stata posta in atto su indicazione di un esponente politico facente parte della Giunta comunale. Il Comune di Asti, non pensa, per non lasciare agli umori l’esecuzione di un brano costitutivo della memoria collettiva, debba essere previsto in modo ineccepibile la sua esecuzione (se non ancora fissato nel protocollo della Cerimonia), visto che è consuetudine che dalla Liberazione in poi 'Bella ciao' sia il canto che più di tutti identifica la memoria di chi più di 80 anni fa scelse di lottare per la Liberazione dal Nazifascismo del nostro paese e accompagna la Festa della Liberazione.

Betty Martinelli


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium