/ Eventi

Eventi | 13 giugno 2024, 06:33

Stasera, con la passeggiata circense Classi(s)cismi, per le vie di Asti, si accendono le luci su Asti Teatro 46

Primo atto della rassegna estiva: in scena installazioni spettacolari con statue che si animano al passaggio del pubblico raccontando drammi eroici

Credit Asti Teatro

Credit Asti Teatro

Saranno gli acrobati della Compagnia ArteMakìa a dare via stasera, da piazza Italia alle 21:30, all'edizione 2024 di Asti Teatro con la passeggiata circense, aperta a tutti Classi(s)cismi. Partendo dalla Mitologia Greca Classica, nell’intento di generare una vera e propria riflessione sui valori umani attuali, questo sorprendente happening porterà in vita i protagonisti dei miti classici greci più conosciuti, rivisitati e trasposti in linguaggio circense comico e poetico. La passeggiata circense prevede installazioni spettacolari con statue che si animano al passaggio del pubblico raccontando drammi eroici attraverso acrobazie mozzafiato e musica, sostenute da un impianto visuale ed effetti scenici appositamente ricercati per esaltare ognuna delle creazioni.

Un'esperienza multisensoriale con la partecipazione straordinaria della musicista Sara Terzano e della sua Arpa Incantata. Le arti performative dal vivo saranno accompagnate da postazioni bar con cocktail dai sapori e profumi ispirati ai quadri mitologici rappresentati a cura de "Il Confessionale" - Mix & Vermouth Bar. L'ingresso è libero e lo spettacolo è in prima nazionale

Nostalgia in bilico tra passato e futuro

Da oggi e fino al 29 giugno,  si rinnoverà l’appuntamento culturale con AstiTeatro, storico festival di teatro nazionale e internazionale giunto alla 46esima edizione, organizzato dal Comune di Asti con la collaborazione della Rete PATRIC e il sostegno di Regione Piemonte, Fondazione CRT, Fondazione CrAsti, Banca di Asti, MIBACT, e in collaborazione con la Fondazíone Piemonte dal Vivo.

La manifestazione  vanta una delle storie più lunghe di presenza continuativa nel panorama italiano. È da sempre dedicato al teatro contemporaneo, e in particolare al concetto ampio di nuova drammaturgia, declinato in forme diverse. Oltre alla conferma di una continuità, che lo rende uno dei primissimi festival nazionali, propone da sempre un ricco cartellone di prime nazionali e regionali. Il Festival, rinomato per la sua capacità di riunire le proposte più diverse ed eterogenee, anche quest'anno sarà diretto da Mario Nosengo, con la collaborazione di Eugenio Fea.

Quest'anno il Festival cavalcherà il tema passato presente e futuro, con un accattivante ed attualissimo fil rouge: la nostalgia.  Un concetto che verrà sviscerato con un costruttivo dialogo intergenerazionale e attualizzando storia, folklore e tradizione, anche in chiave turistica, oltre che culturale e sociale. 

"In un momento storico in cui, per reagire alla velocità ossessiva con cui si bruciano mode, costumi e innovazioni tecnologiche con un ritmo dettato dagli spietati algoritmi dei social network - spiega Nosengo -  appare quanto mai necessario e quasi salvifico riappropriarsi del proprio tempo della memoria e dei propri spazi più intimi, fatti di ricordi personali e di quelle rassicuranti buone cose di gusto Gozzaniano vissute magari nei migliori anni della nostra vita. Su un tema così coinvolgente e attuale, che il Teatro contemporaneo non può ignorare, abbiamo coinvolto ed invitato ad esprimersi artisti di fama e nuove compagnie emergenti, che si incontreranno quest'anno ad AstiTeatro per mettere in scena opere multidisciplinari, con numerose prime assolute o regionali”.

Un'attenzione particolare ai giovani, come spiega Eugenio Fea: "Cerchiamo di coinvolgere compagnie molto giovani, con attori under 35. Il fil rouge di questi spettacoli sarà quello di interrogarci sulla contemporaneità" 

Artisti, soprattutto artiste, di fama regionale e nazionale, insieme a gruppi emergenti, si incontreranno quest'anno ad AstiTeatro per mettere in scena spettacoli per un pubblico di ogni tipo e di tutte le età, oltre ad altri eventi molto originali.

Il programmma

14 giugno ore 19.30 Spazio Kor

Inégalité - Olympe e la Rivoluzione Negata

PROSA

PRIMA REGIONALE

testo Giulia Trivero
regia Andrea Piazza
interpreti Giulia Amato, Gabriele Anzaldi
musiche Gabriele Anzaldi, Giovanni Di Capua
costumi Michele Corizzato
video Daniele Zen
organizzazione Arianna Soffiati
con l’intervento in video del coro dei laboratori partecipativi
produzione Ensemble Teatro
con il patrocinio di Associazione Nazionale Subvedenti / DescriVedendo

con il sostegno di IntercettAzioni - Centro di Residenza Artistica della Lombardia: un progetto di Circuito CLAPS e Industria Scenica, Laagam, Teatro delle Moire, ZONA K
Spettacolo interamente accessibile a persone con disabilità visiva attraverso audiodescrizione integrata nella drammaturgia


 

Libera pensatrice, attivista e politica, Olympe de Gouges sfidò la Rivoluzione Francese mettendo a nudo l’ipocrisia di una narrazione scritta dai vincitori, maschi e ricchi. Inégalité, in equilibrio tra spettacolo e concerto elettropop, ne ripercorre la straordinaria storia per scavare nei paradossi del mito su cui si basa il nostro Occidente liberale e progressista.


 

14 giugno ore 22 Cortile del Michelerio

Via del Popolo 

PROSA

PRIMA REGIONALE

Di e con Saverio La Ruina

Premio UBU 2023 – Miglior nuovo testo italiano


 

Disegno luci Dario De Luca 

Collaborazione alla regia Cecilia Foti 

Audio e Luci Mario Giordano 

Allestimento Giovanni Spina 

Dipinto Riccardo De Leo 

Amministrazione Tiziana Covello 

Produzione Scena Verticale 

Organizzazione Settimio Pisano, Egilda Orrico 


 

Via del Popolo, un tratto di strada di una cittadina del Sud che un tempo brulicava di attività: due bar, tre negozi di generi alimentari, un fabbro, un falegname, un ristorante, un cinema… Due uomini percorrono via del Popolo, un uomo del presente e un uomo del passato. Il primo impiega 2 minuti per percorrere 200 metri, il secondo 30 minuti. È la piccola città italiana a essere cambiata, è la società globalizzata. Ai negozi sono subentrati i centri commerciali e la fine della vendita al dettaglio ha portato via posti di lavoro, distruggendo un modello sociale ancora basato sulle relazioni personali.


 

15 giugno ore 19.30 Spazio Kor

Radici 

PROSA

testo di Alba Maria Porto e Giulia Ottaviano 

regia di Alba Maria, con Mauro Bernardi, Giorgia Coco, Federica D’Angelo, Lydia Giordano, Adele Tirante

light designer Davide Rigodanza 

sound designer Paul Beauchamp 

composizioni originali di Alberto Cipolla 

tecnico luci Luca Guglielmetti ed Ermanno Marini

Produzione Asterlizze – Teatro Libero di Palermo


 

In un quaderno sulla cui copertina campeggia la scritta “Coordinamento Femminista di Enna" sono racchiusi i verbali delle riunioni femministe avvenute in una provincia dell’entroterra siciliano a partire dal 1975. La drammaturgia originale prende spunto da questo documento e narra due storie che procedono in parallelo: quella delle donne del Coordinamento Femminista di Enna e, ai giorni nostri quella di un giovane uomo che scopre le proprie origini – fino ad allora tenutegli nascoste dalla famiglia – e parte alla ricerca della propria storia. Nel viaggio incontrerà una giovane donna con cui condividere esperienze e riflessioni. Radici riflette sul valore storico del movimento femminista in Italia e affronta il tema del rapporto genitori-figli e dell'eredità intergenerazionale.


 

16 giugno ore 19.30 Spazio Kor

Dall’altra parte 

PROSA/TEATRO DI FIGURA

PRIMA REGIONALE


 

Ideazione, scrittura e regia Silvia Battaglio

Interpretazione e composizione scenica Silvia Battaglio e Amina Amici

Riferimenti letterari / literature references Dall’altra parte di/by Ariel Dorfman, 1984 di George Orwell, La strada di Cormac McCarthy, Cassandra di Christa Wolf, L’opera da tre soldi di Bertold Brecht, Giorni felici di Samuel Beckett, La caduta di Friedrich Durrenmat

Collaborazione alla messa in scena Stefano Mazzotta

Creazioni immagini e figure Silvia Battaglio

Con la complicità di Valeria Sacco

Disegno sonoro e materiali di scena Silvia Battaglio

Disegno luci Tommaso Contu

Cura della produzione Valentina Tibaldi

Produzione Zerogrammi

Spettacolo vincitore Premio Drammaturgia Contemporanea e Teatro di Figura

Coproduzione Fondazione Otello Sarzi

In partenariato con Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, ERT Emilia Romagna Teatro Fondazione, UNIMA Italia, FTS Fondazione Toscana Spettacolo

In collaborazione con TAD Residency / Teatro tascabile di Bergamo, Contemporary Locus, Festival Danza Estate

Con il supporto di Teatro Area Nord e Teatro Akropolis nell’ambito del progetto CURA

Con il sostegno di TAP Torino Arti Performative, Regione Piemonte, MIC Ministero della Cultura


 

Una casa separata da un confine, che l’uomo ha deciso a seguito di un temporaneo armistizio diventa metafora dell’attesa, di un’esistenza sospesa, in bilico tra realtà e illusione, in cui si possono scorgere i resti di qualche vecchio elemento d’arredo, mentre tutto intorno risuonano le voci, i boati, le sirene, i rumori di un campo di battaglia. Atom e Levana, superstiti di uno scenario quasi apocalittico, sono una coppia di mezza età che vive tra due paesi confinanti e in guerra, essi trascorrono il tempo dentro la loro piccola casa rotta, ammaccata, sbilenca, consumata, in attesa che l’amato figlio, partito per la guerra, torni a illuminare di nuova speranza il loro presente.


 

16 giugno ore 22 Cortile del Michelerio

La tecnica della mummia – Difensore d’ufficio

VINCITORE PREMIO SCINTILLE 2023

Adattamento Marcello Spinetta, Christian di Filippo 

con Marcello Spinetta, Christian di Filippo 

regia Marcello Spinetta, Christian di Filippo 

assistente alla regia Marta Cortellazzo Wiel, Celeste Tartaglia 

luci Adriano Antonucci 

costumi Marcello Spinetta 

produzione AMAranta Indoors, A.M.A. Factory


 

In una cella, a poche ore dal processo che lo condannerà definitivamente, è detenuto Fowle, un uomo reo di aver assassinato la sua giovane compagna, a cui viene assegnato dall'autorità giudiziaria - per legge - un difensore d'ufficio, il signor Morgenhall.
Quest'ultimo è un avvocato di scarso successo, che , pur essendosi dedicato con impegno agli studi delle materie giudiziarie, non si è mai visto assegnare una causa. Morgenhall un giorno riesce però ad ottenere, grazie ad una serie di circostanze favorevoli, questo caso di femminicidio.
La difesa di Fowle sarà dunque un’occasione per riuscire a dare una svolta (e un senso) al suo lavoro che, come lui stesso ammette, ha sempre amato e onorato anche nei momenti più bui.
Difendere questo imputato però presenta non pochi ostacoli e difficoltà...


 

17 giugno ore 19.30 Cortile Foyer delle Famiglie

35040 

PROSA

PRIMA REGIONALE


 

Regia Alessandro Businaro
Dramaturg Stefano Fortin
Con Tano Mongelli
Assistente alla regia Chiara Businaro
Produzione Bus14


 

35040 è il codice di avviamento postale di Villa Estense (PD), luogo di nascita della famiglia in cui i genitori del regista Alessandro Businaro hanno vissuto e continuano a vivere da quasi 60 anni. Da qui prende il via uno studio sull’inevitabile visione soggettiva del mondo che ci circonda. Ogni spettatore ascolterà una testimonianza diversa di episodi e luoghi del passato e la potrà connettere autonomamente, secondo il proprio punto di vista.


 

17 giugno ore 21.30 Spazio Kor

A little gossip never killed nobody

VINCITORE PREMIO SCINTILLE 2023

Le Ore Piccole

Regia, scene e luci Francesca Caprioli 

Con Chiara Arrigoni, Giulia Gallone, Ottavia Orticello 

Costumi Paola Arcuria e Francesca Caprioli

Progetto di Le Ore Picccole


 

Le protagoniste sono tre operaie: Klara, l’aspirante leader, Agnese, la pigra mediatrice, e Martha, quella nuova. Il lavoro in fabbrica è logorante, soprattutto per le donne, persino sciogliere i capelli durante l’orario di lavoro è un atto trasgressivo sottoposto a rigido divieto e sembra impossibile sognare qualcosa di più. Un giorno, però, succede qualcosa: Martha inizia una relazione clandestina con il loro capo e, da quel momento, le tre donne cominciano a ottenere dei piccoli miglioramenti sul lavoro, guidate dal sogno di Klara di una ribellione contro il sistema. Mentre ottengono sempre di più da una realtà prima ostile che Martha, consigliata da Klara, sembra in grado di piegare a suo piacimento, le tre donne si spingono a desiderare cose sempre meno innocue, sempre più proibite.

Il testo si ispira al modello della fiaba: un mondo chiuso in cui il soprannaturale sembra entrare nella realtà e il desiderio è una forza ambigua, che spinge l’essere umano a superare un confine vietato e, poi, a pagare un prezzo troppo alto. La fiaba è il contenitore in cui si muovono, però, istanze del nostro tempo: Klara, Agnes e Martha sono tre donne contemporanee, tre operaie costrette a un lavoro logorante che soffoca la speranza del futuro e la dimensione del desiderio, vivono in un mondo in cui i loro corpi sono forza lavoro, e sono controllati. Le tre donne, insieme, sperimentano l’euforia di progettare un riscatto – personale e collettivo – e, nel bene e nel male, scoprono di avere il potere di cambiare la realtà. A little gossip never killed nobody è, infatti, una fiaba oscura sul potere della parola, così potente che può spingerti a immaginare, desiderare, manipolare, obbedire, sovvertire il mondo attorno a te.


 

18 giugno ore 19.30 Diavolo Rosso

Scusa se ti scrivo ma non resisto 

TEATRO MUSICALE

con Gaspare Del Vecchio, Ksenjia Martinovic, Valeria Perdonò

elaborazione drammaturgica e scenica di Ksenjia Martinovic e Valeria Perdonò

arrangiamenti musicali di Giacomo Zorzi 

Produzione Il Menu della Poesia


 

In un viaggio tra musica e parole, tra carteggi e poesie d’amore, più o meno sconce e proibite, e attraversando vari generi musicali dal jazz anni ‘50 fino al pop dei giorni nostri, proveremo a raccontare che l’amore è amore e basta. Anche se è clandestino. E che scriverlo, a volte, lo rende solo più forte, anche quando ci sembra di non resistere.  

Il Menu della Poesia è un format che nasce per diffondere teatro e cultura in luoghi e contesti non convenzionali, per nutrire animo e intelletto, e smentire chi ancora afferma che "con la cultura non si mangia". Veri e propri Menu con poesie come fossero vivande, e attrici e attori vestiti da eleganti camerieri che “servono” le poesie cioè le recitano su richiesta. Il pubblico sceglie, gli artisti recitano e comincia il gioco, in perfomance che diventano un'esperienza culinaria, artistica e umana.


 

18 giugno ore 22 Cortile del Michelerio

La morte ovvero il pranzo della domenica 

PROSA

PRIMA REGIONALE


 

uno spettacolo con Serena Balivo 

ideazione, drammaturgia e regia Mariano Dammacco

produzione Compagnia Diaghilev

con il sostegno di Spazio Franco


 

Serena Balivo interpreta una donna che ogni domenica va a pranzo dai suoi genitori. I due sono ultranovantenni e, sebbene siano in buona salute fisica e mentale, sono consapevoli che presto dovranno affrontare la morte e l'ignoto, il nulla forse o magari un’altra vita, e così non parlano d’altro. 

Lo spettacolo offre l'incontro con il pensiero della morte, con domande che non conoscono risposte per noi umani e ci conduce attraverso i territori del più grande tabù della nostra cultura, con poesia e umorismo, per scoprire e riscoprire, tra racconti minimali e visioni grottesche, la bellezza della vita stessa, la potenza dell'amore tra genitori e figli e l'esperienza del congedo dalle persone amate.


 

19 giugno ore 19.30 Spazio Kor

carMən

TEATRO DANZA

PRIMA NAZIONALE


 

Coreografia e Regia Walter Cinquinella 

La Morte: Ileana Spalla 

carMən: Walter Cinquinella 

La Dottoressa: Simona Gobbi 

José: Lorenzo Viarengo

Visione consigliata ad un pubblico adulto


 

La figura di Carmen è sempre stata associata all’immagine di donna forte una donna libera, la gitana “indomabile” fautrice del proprio destino, in questa nuova produzione troviamo una carMən senza Siviglia senza Plaza de Toros… questa carMən è semplicemente l’ultima arrivata nella clinica, forse non sa neanche lei perché l’hanno portata lì, potrebbe essere la paura del suo spirito libero? Non passerà inosservata e porterà scompiglio tra i residenti.


 

19 giugno ore 21.30 Teatro Alfieri

Patria - Il paese di Caino e Abele

PROSA


 

Ideazione di Fabio Banfo, Giacomo Ferraù e Giulia Viana
Drammaturgia Fabio Banfo
Regia Giacomo Ferraù
Con Fabio Banfo
Aiuto regia Giulia Viana
Assistente alla regia Maria Francesca Rossi
Una co-produzione Centro Teatrale MaMiMò / Eco di fondo


 

La Storia d'Italia dal dopoguerra ai giorni nostri vista attraverso gli occhi di due fratelli che hanno misteriosamente incrociato gli eventi più sanguinosi della Storia italiana: le stragi, i golpe, il terrorismo, le lobbies, le mafie, i servizi segreti,
tutte quelle vicende che hanno contribuito a fare dell'Italia dei nostri nonni, il paese che lasceremo ai nostri figli.
Un racconto, quello dell’Italia, inevitabilmente tragicomico, dove le memorie degli eroi e quelle dei malvagi, si mescolano indissolubilmente come le storie dei nostri due fratelli.
Una biografia famigliare che finisce per diventare la biografia di una nazione.


 

20 giugno ore 18 EO Arte

Io sono invisibile 

Concerto disegnato, un viaggio tra musica, disegni e teatro. Testi: Stefano Pedro Porro, Matteo Cicolin, Matteo Boglietti Disegni: Stefano Pedro Porro Musiche: Casa in collina (Matteo Boglietti e Matteo Cicolin)


 

Il protagonista intraprende un viaggio alla ricerca di un’identità autentica. All’inizio dello spettacolo parla del suo passato, di come si sia sempre identificato nel riflesso di sé ricevuto dal rapporto con gli altri. Vengono percorse alcune fasi della vita: la nascita, l’infanzia, l’adolescenza, la giovinezza. L’attenzione si sposta verso l’interno quando il protagonista, rimasto solo, inizia ad interrogarsi sulla sua identità. Si apre un buco dentro di lui, non sa trovare una risposta. Cade nel nero di questo buco, ne viene inghiottito. Esanime, dopo aver brancolato nel buio, dichiara di non essere nessuno. Ha toccato il fondo. Non gli resta che risalire appoggiandosi proprio su questa certezza. “Non sono nessuno”, quindi sono tutti. Dentro di lui non c’è nulla, è disponibile ad un senso di comunione con gli altri, con il mondo. É diventato invisibile, libero da tutte le false costruzioni della personalità.


 

20 giugno ore 19.30 Spazio Kor

Tutti bene ma non benissimo 

STAND-UP COMEDY

PRIMA REGIONALE

di e con Daniele Vagnozzi 

Paesaggi sonori Ruben Albertini 

Sound design Danilo Randazzo 

Scenografia Mattia Settembrini 

Lightning design Manfredi Michelazzi R

eferente tecnico Denise Brambillasca 

Aiuto regia Alessandro Savarese 

In collaborazione con Compagnia Caterpillar 

Con il sostegno di Teatro Panettone di Ancona Con il contributo di Banca BCC di Ancona e Falconara Marittima.


 

Tutti i terapeuti della città sono momentaneamente al completo e Amedeo, un ragazzo di trent'anni alla disperata ricerca di un aiuto, non sa proprio cosa fare. Decide così di iniziare a seguire gli strampalati consigli dello psicologo più famoso d’Italia, il dottor Onesto, che nella sua celebre trasmissione insegna come auto-aiutarsi attraverso il pensiero positivo. Ce la farà Amedeo ad arrivare in fondo a questo duro percorso? Tra psicoanalisi auto-somministrata e assurdi sogni da auto-interpretare, compirà un viaggio nel proprio subconscio fino a comparire di fronte al più temibile terapeuta di tutti i tempi, se stesso.


 

21 giugno ore 19.30 Spazio Kor

Djobi come Bach 

TEATRO MUSICALE

PRIMA NAZIONALE

Di Cie Swing'Hommes e Muriel Henry

Clown/Regista Luc Miglietta


 

Un concerto solista dello stesso Johann Sebastian Bach?! Questa è l'incredibile esperienza che avresti vissuto oggi se un piantagrane di nome Manitas non fosse venuto e non avesse agitato la sua chitarra davanti ai suoi occhi! Con sorpresa di tutti, una galleria di personaggi accattivanti viene a portare il suo tocco di groove ed eccentricità al repertorio del compositore barocco durante questo concerto improvvisato. Dalla toccata in flamenco all'Ave Maria in funk, non potrai respirare per un momento in questo spettacolo pieno di umorismo e virtuosismo.


 

21 giugno ore 21.30 Teatro Alfieri

La cerimonia del massaggio 

PROSA

PRIMA NAZIONALE


 

di Alan Bennett
con Gianluca Ferrato
regia Roberto Piana
traduzione Anna Marchesini
drammaturgia Tobia Rossi

scene Francesco Fassone
costumi Agostino Porchietto
Light designer Renato Barattucci
Una produzione Bistremila


 

Padre Geoffrey Jolliffe pratica il sacerdozio in virtù di un solido e personalissimo compromesso tra fede e omosessualità. Ma quando il caro estinto da commemorare è Clive, massaggiatore “dei vip” dal tocco miracoloso, la funzione religiosa diventa per Padre Geoffrey un’immersione nelle sue stesse profondità, nel desiderio e nell’istinto, questioni che gli sono oscure, o quasi, avendo avuto lui stesso rapporti intimi con Clive, lui come - a quanto pare - gran parte della fauna mondana e debosciata che popola la chiesa per l’occasione. Un dubbio sulla causa della morte del massaggiatore getta un’ombra sulla celebrazione: il rischio di essere stati contagiati da una malattia infettiva durante quelle sedute “taumaturgiche” stringe prete e convenuti nella morsa del panico.


 

22-23 giugno dalle 21.45 Cortili palazzi storici INGRESSO LIBERO

Scintille - Concorso per compagnie teatrali professionali under 35 – XIV Edizione


 

Sabato 22 giugno:

Cortile Michelerio, Corso Vittorio Alfieri n. 381/B orari 21.45 – 22.45 – 23.45

Il grande nulla” Studio Mira (Svizzera)

Cortile Archivio Storico, via del Varrone n. 33 orari 22.00 – 23.00 – 24.00

Capelli-M. si desta un mattino da sogni inquieti” Collettivo Sante di Lana (Lazio)

Cortile Palazzo Alfieri, Corso Vittorio Alfieri n. 375 orari 22.15 – 23.15 – 24.15

Alfons(in)a” Generazione P (Lazio)

Cortile Palazzo del Collegio, Via Carducci n. 64 orari 22.30 – 23.30 - 24.30

DOCG” Cercamond (Campania)

 
Domenica 23 giugno:

Cortile Michelerio, Corso Vittorio Alfieri n. 381/B orari 21.45 – 22.45 – 23.45
“Gassa d’amante” Labirion (Lazio)
Cortile Archivio Storico, via del Varrone n. 33 orari 22.00 – 23.00 – 24.00

La sedia di Blanche sulla luna” Compagnia Pappagalli in trappola (Piemonte)

Cortile Palazzo Alfieri, Corso Vittorio Alfieri n. 375 orari 22.15 – 23.15 – 24.15

Giusti?” Teatro dell'Osso ETS e Teatro TRAM (Campania)

Cortile Palazzo del Collegio, Via Carducci n. 64 orari 22.30 – 23.30 - 24.30
“Playground” Compagnia PuntoTeatroStudio (Lombardia)


 

24 giugno ore 19.30 Spazio Kor

Ismene 

PROSA

PRIMA REGIONALE


 

di Ghiannis Ritsos

Traduzione di Nicola Crocetti

con Flavia Pezzo 

e Massimo Bevilacqua

regia di Fulvio Cauteruccio 

scene Alice Leonini 

assistente alla regia Alessio Martinoli 

produzione Krypton 

in co-produzione con Asti Teatro 46


 

Fulvio Cauteruccio dirige un’opera che parte dal mito greco e arriva alle viscere della contemporaneità. Una contemporaneità dove la paura è padrona delle anime, la guerra divora le vite, la civiltà decade, l’Occidente implode su sé stesso e l’individuo, su cui sembra incombere un ineluttabile destino, resta silente, privato lentamente della sua libertà, della sua volontà. 

La protagonista è Ismene, quarta e dimenticata figlia del celebre Edipo, sorella di Antigone. Rimasta ai margini della notorietà nella famiglia di origine, denuncia uno ad uno i familiari ed il contesto che ha determinato la rovina nella quale ella si ritrova, rivendicando infine la libertà di decidere del proprio destino. In scena accanto alla protagonista, Massimo Bevilacqua con la sua chitarra elettrica, accompagnerà l'eroina tragica nella sua trasformazione in una rockstar iconoclasta. Una “Opera Rock” dove chitarre e sintetizzatori si mescolano alle parole più antiche e universali del mondo.


 

25 giugno dalle 18 alle 21 (sei repliche da 15 minuti ogni mezz’ora) Sala Pastrone

Flux – Full Experience

INSTALLAZIONE PERFORMATIVA IN VR (DANZA)

PRIMA NAZIONALE


 

di e con Maura Di Vietri

coreografia Maura Di Vietri | Ivan Taverniti

voce narrante Aurora Camilli

musiche Luca Maria Baldini

disegno luci Marcello Falco

Una produzione Fattoria Vittadini

In collaborazione con Scuola Mohole

Progetto finanziato nell’ambito del PNRR– Next Generation EU

FLUX VR EXPERIENCE

Project Manager Enrica Paltrinieri

Project Coordinators | Art Directors - Elena Accenti | Giulia Ferrando | Alessandro Galimberti | Enrica Paltrinieri

Programmatore Alessandro Pregnolato

Supervisione Characters & Concept Art  Gloria Martinelli

Supervisione Preproduction creatures animation  Cristian Neri

Una produzione Fattoria Vittadini

In collaborazione con Scuola Mohole

Progetto finanziato nell’ambito del PNRR– Next Generation EU


 

Un’esperienza immersiva in cui virtuale e performance live collaborano alla creazione di un immaginario condiviso. L’uso del visore permette allo spettatore di essere al centro dell’azione ispirata al concetto arcaico dell’animale guida: un’esperienza a 360° del proprio corpo e di quello della performer, nell’ambiente digitale prima e nello spazio reale dopo.


 

25 giugno ore 19.30 Spazio Kor

Piena come un uovo 

STAND-UP COMEDY

PRIMA REGIONALE

di Lisa Lampanelli

Traduzione Monica Capuani, Regia Eugenio Fea & Luigi Aquilino 

Con Denise Brambillasca, Gaia Carmagnani, Ilaria Longo, Valentina Sichetti

Compagnia Caterpillar


 

Una tra le pressioni più asfissianti che il nostro tempo ci impone è quella del rapporto con i nostri corpi, bombardati da modelli ideali e molto spesso irraggiungibili, la cui evoluzione e metamorfosi trasforma la nostra quotidianità. Il nostro corpo, in tutti i suoi aspetti, è la nostra identità, ma vogliamo plasmare la sua forma secondo canoni che vediamo riflessi negli altri e che non sono nostri. "Piena come un uovo”, con ironia e comicità dissacrante, esorcizza il nostro rapporto col cibo, un rapporto di amore-odio, instabile, a volte tossico. Una bulimica, una mangiatrice compulsiva, una ragazza sicura di sé e una cronicamente magra. Quattro attrici travolgono e trascinano il pubblico in un dialogo a più voci sui corpi in scena, in platea e nella vita. Quattro storie riunite per dipingere un ritratto aspramente spiritoso della follia a cui ci costringe questo mondo.

ASTIJAZZ

25 giugno ore 22 Cortile del Michelerio

Rosso Milva 

TEATRO MUSICALE

Di Daniela Placci. Arrangiamenti e musiche di Mauro Isetti ed Egidio Perduca. Con Mauro Isetti, Egidio Perduca e Daniela Placci. Produzione Sonic Factory

Dalla natia Goro ai teatri di tutto il mondo.
Dalla canzone popolare ai grandi maestri della prosa e della musica.
Chioma rossa, algida e passionale, voce che aveva in sè le sonorità del delta del Po e delle tanguerie lunfarde di Buenos Aires, Maria Ilva Biolcati, Milva, ha calcato le scene dei teatri di tutto il mondo. Dal Giappone, all’Argentina, alla Germania.
Da Astor Piazzolla a Brecht, da Edith Piaf alla canzone popolare: una vocalità al servizio dell’emozione e dell’intelletto, aperta ai grandi temi, ai grandi drammi. Definendosi sempre alla ricerca di qualcosa, preda di una curiosità “che ho voluto e voglio, sempre, soddisfare”. Personalità eclettica, icona di stile, temperamento passionale: Milva ha interpretato molti fra i grandi autori del 900. In Rosso Milva si avvicendano Enzo Jannacci, che per lei ha scritto La Rossa, Ennio Morricone, Alda Merini, Franco Battiato, Giorgio Faletti, Don Backy, Edith Piaf, Marlene Dietrich, e il binomio Bertolt Brecht/Kurt Weill.

26 giugno ore 19.30 Cortile Archivio Storico

Teresa - La sarta che voleva ricucire il firmamento

PROSA

PRIMA NAZIONALE

Dall’omonimo racconto di Antonio Catalano 

con Patrizia Camatel 

regia di Antonio Catalano 

coproduzione casa degli alfieri e AstiTeatro 46

Questo racconto parla dell’Amore, delle sue trame e dei suoi ricami. Teresa, la sartoria, nella sua bottega ha rammendato e cucito per tutto il paese. Quando cuce le fan compagnia il radiodramma preferito, la preziosa macchina da cucire, una foto con sorrisi ormai sbiaditi. E oggi Teresa sta finendo di cucire l’abito da sposa per Aurora, la vicina, Aurora che si chiama come la luce che appare, Aurora che vuole un vestito bello, che costi poco e col pizzo qua e là. Teresa, mentre cuce, rammenda la propria anima. L’anima che ha una veste fatta di ricordi, di polenta, di speranze, di sentimenti; è il vestito della memoria che ci dice chi siamo, anche quando tutto sembra svanire in mezzo alla nebbia fitta e ciò che è vero si confonde con ciò che è immaginato

26 giugno ore 21.30 Teatro Alfieri

Swing amore e fantasia – Ondeggiante spettacolo italiano

COMMEDIA MUSICALE

PRIMA NAZIONALE

Con Umberto Scida, Marianna Bonansone, Marco Caselle, Silvia Santoro

Con corpo di ballo e orchestra

Coreografie Melina Pellicano

Regia Umberto Scida

Direzione musicale Silvano Borgatta

Compagnia Umberto Scida – Palco 5

“Swing, amore e fantasia” è la lettura brillante delle più frizzanti pagine della musica italiana ed americana del secolo scorso.
Questo non è solo un concerto, ma uno spettacolo musicale, in cui le scene recitate, brillanti ed esilaranti, sia originali che del repertorio del più ricercato Avanspettacolo e dell’Operetta, creano un filo conduttore e fanno da legante tra i brani, instaurando un contatto diretto con il pubblico, coinvolgente ed accattivante.
 

27 giugno ore 19.30 Spazio Kor

Momo 

TEATRO DI FIGURA

PRIMA NAZIONALE

Tratto da "Momo" romanzo fantastico di Michael Ende 

Diritti alla trasposizione teatrale: Theaterverlag Marabu 

Produzione: 2023 Spettacolo "tout public"
 

Teatro fisico con maschere intere e musica originale. 

Produzione: PerpetuoMobileTeatro 

Co-produzione: Theater am Gleis / Città di Winterthur, Fabriggli Buchs. 

Con il sostegno di: Repubblica e Canton Ticino - Fondo Swisslos Pro Helvetia - Fondazione svizzera per la cultura, Ernst Göhner Stiftung. 

Con la collaborazione di: Spazio ELLE Locarno (CH), Plum Yard, Malovice (CZ). 

Regia e drammaturgia: Marco Cupellari.

Creazione maschere: Brita Kleindienst, Sara Bocchini.

Musiche originali: Dario Miranda. 

Interpreti: Kenneth George, Sara Bocchini, Ettore Chiummo, Martina Sosio. Scenografia: Dino Serra. 

Costumi: Chiara Barlassina. 

Video Mapping: Andrea Bisconti. 

Disegno luci: Raphael Vuilleumier. 

Foto: Lorenzo Palmieri

Pubblicato nel 1973, Momo è un romanzo fantastico di Michal Ende che narra l’avventura di una bambina coraggiosa e determinata, chiamata a salvare l'umanità dalla più colossale truffa mai ordita ai suoi danni. In una grande città, una qualunque di quelle che oggi abitiamo, gli agenti di una sedicente Cassa di Risparmio del Tempo stanno rubando i minuti, le ore, i giorni e gli anni a vittime ignare. Una nube scura avvolge l’intera città e per tutti coloro che cadono nella trappola le giornate diventano frenetiche e senza gioia. Momo, con il provvidenziale aiuto della tartaruga Cassiopea e di Mastro Hora, condurrà la battaglia per restituire all’umanità l’unica ricchezza che davvero possiede: il tempo.

27 giugno ore 22 Cortile Archivio Storico

Teresa

(replica)

27 giugno ore 22 Diavolo Rosso INGRESSO LIBERO

Concerto fetido a 4 zampe 

TEATRO MUSICALE

PRIMA REGIONALE

di e con Alice Sinigaglia e Davide Sinigaglia, produzione SCARTI Centro di Produzione Teatrale d’Innovazione, progetto Selezionato Powered by Ref un progetto Romaeuropa Festival 2023 nell’ambito di ANNI LUCE_osservatorio di futuri possibili in collaborazione con Carrozzerie | n.o.t e 369gradi srl corealizzazione residenze Periferie Artistiche – Centro di Residenza Multidisciplinare del Lazio in network con ATCL – circuito multidisciplinare del Lazio per Spazio Rossellini polo culturale multidisciplinare regionale, Teatro Biblioteca Quarticciolo, Cranpi

Un concerto sull’animalità, sul senso della ferocia e su questa nostra maledetta evoluzione. Da due poli diversi del mondo, un rap dimenticato e un pamphlet filosofico ci interrogano su chi dunque siamo quando siamo nudi come bestie di fronte alle bestie che siamo.

28 giugno ore 19.30 Spazio Kor

Melting pot 0116

DANZA

PRIMA REGIONALE


 

compagniazappalàdanza2 / CDZ2

Regia e coreografie: Roberto Zappalà

Musiche: Johann Sebastian Bach, Puccio Castrogiovanni, Frédéric Chopin, Lautari,

Gustav Mahler, Salvo Farruggio, Giovanni Sollima

Coordinamento artistico: Silvia Oteri e Fernando Roldan Ferrer

Interpreti: Benedetta Agostinis, Giulia Berretta, Siria Cacco, Melania Caggegi, Andrea Rachele Bruno, Laura Finocchiaro, William Mazzei, Paola Tosto, Alessandra Verona

Set, luci e costumi: Roberto Zappalà | Realizzazione costumi: Majoca

Direzione tecnica: Sammy Torrisi | Tour management Federica Cincotti |

Direzione generale: Maria Inguscio

Una coproduzione Scenario Pubblico|Compagnia Zappalà Danza/Centro di Rilevante Interesse Nazionale per la Danza e Menhir/Le danzatrici en plein air - in collaborazione con AstiTeatro e Centro Coreografico Nazionale/ Aterballetto - con il sostegno di MiC Ministero della Cultura e Regione Siciliana Assessorato del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo


 

Melting Pot 0116 è un lavoro che, come suggerisce il titolo, riunisce in una composizione originale frammenti di diverse creazioni realizzate nel corso del tempo da Roberto Zappalà. In particolare sono incluse sequenze da “74bpm” tratto da “I am beautiful” (2016), “24 préludes” (2007) e “Mediterraneo” (2001) - tutte produzioni per la sua compagnia - “I’m a good cook. Spaghetti anybody?”, creazione realizzata nel 2004 per la compagnia svedese Norrdans, e “sud-virus”, commissionato dal Goteborg Ballet nel 2011. All’interno di questo intreccio di coreografie che hanno segnato il suo percorso creativo, il coreografo realizzerà una parte inedita, appositamente concepita per questa creazione.

L’idea principale è quella di emancipare il lavoro, mettendolo costantemente in discussione.


 

28 giugno ore 22 Cortile Archivio Storico

Carte mute 

PROSA

PRIMA REGIONALE

di e con Pietro De Nova e Maurizio Zucchi

paesaggi sonori di Stefano Errico

produzione Compagnia Il Milione
con il sostegno di Fondazione Claudia Lombardi per il teatro


 

La nebbia fitta del mattino, un tendone del mercato e una mappa delle mappe. E poi tre domande. Chi siamo? Dove siamo? Da dove veniamo? Da quest’incertezza nasce Carte mute, un viaggio fuori dal tempo per raccontare la storia di due vecchi amici in cerca di una cosa: qualcosa di molto prezioso che entrambi hanno perso durante il cammino.


 

29 giugno ore 21.30 Teatro Alfieri

Michelangelo da Caravaggio – A Rock Musical

MUSICAL 

PRIMA NAZIONALE

Produzione Golden Ticket Company

Con Susi Amerio, Marianna Bonansone, Sebastiano Di Bella, Nicolas Franzin, Giorgio Menicacci, Fabrizio Rizzolo, Jacopo Siccardi, Isabella Tabarini

Regia Fulvio Crivello e Fabrizio Rizzolo

direzione Musical Theater Sandro Cuccuini

direzione musicale Tony De Gruttola

arrangiamento e orchestrazione Tony De Gruttola e Daniel Bestonzo

costumi Luisa Wolff con la consulenza di Augusta Tibaldeschi

Sandro Cuccuini pianoforte, Tony De Gruttola chitarre, Gualtiero Marangoni basso, Daniel Bestonzo tastiere

produzione musicale 03db Production 

Dal buio alla luce. La rivoluzione di Michelangelo Merisi detto “il Caravaggio”, che sfida la Roma Papalina dei primi anni del ‘600, covo di intrighi, contrasti, passioni, gelosie, segreti inconfessabili. Il suo carattere che crea scompiglio tanto fra i suoi detrattori e nemici quanto tra i suoi protettori. Le sue tele ricche di umanità e libere da ipocrisie. Il Potere trema davanti ad un uomo che ha il coraggio di rifiutare le rappresentazioni false, i fronzoli e gli inutili orpelli, mostrando il divino nel dolore e nella sofferenza degli ultimi: poveri, umili, ragazze e ragazzi di vita. Una storia raccontata con forza incontenibile e che conduce ad un sorprendente ed inaspettato finale. Con la consapevolezza che “il buio è la regola, la luce l'eccezione”. “Caravaggio, a Rock Musical” non è solo il racconto della vita e della misteriosa fine del pittore. È uno spettacolo travolgente che celebra l’eredità inestimabile contenuta nei suoi dipinti, la sua Arte, ma soprattutto la sua continua ricerca della Luce, contro tutto e tutti. In uno stile musicale Rock progressive incisivo e piacevole, con un Sound Design sorprendente e costantemente orecchiabile, indissolubilmente legato alla tradizione del Musical Theater. 

Attività extra

 

14-29 giugno dalle 18 alle 23 (giovedì e domenica dalle 20 alle 23) 

Area Pedonale Piazza Alfieri

La Piazza dei Balocchi

PER FAMIGLIE

A cura di Microcirco®

Nel cuore della Città di Asti, i giochi esclusivi del Microcirco® per "La Piazza dei Balocchi": Cavallini a Pedali, Giostrina Storica, Tiro ai Barattoli, un grande Cavallo in Legno ed altri giochi oggi controcorrente. Un’area dedicata al gioco dei bambini e alle famiglie, dove i genitori possono incoraggiare e apprezzare l’apprendimento abbinato al piacere del gioco o semplicemente guardare il proprio bambino con occhi nuovi. Info: Carla 333 2707142. 
 

14-29 giugno dalle 16 alle 18.30 foyer Spazio Kor INGRESSO LIBERO

Punto e virgola

Mostra fotografica sul tema dei disturbi alimentari a cura di Sara Castiglioni
 

Una riflessione non tanto sulla sofferenza del corpo, ma piuttosto sull’angoscia per il cibo, che diviene pensiero ossessivo, invadendo la mente e ogni ambito della vita. Il percorso di cura è lungo e complesso, ma si guarisce. Dopo un’esperienza traumatica e profonda, come l’attraversamento di un disturbo alimentare, non è possibile mettere un punto: è infatti necessario portare con sé l’insegnamento dell’esperienza che si è vissuta. E nemmeno una semplice virgola, perché con la
guarigione comincia un nuovo capitolo.
E allora: punto e virgola.
 

25 giugno ore 18 foyer Spazio Kor INGRESSO LIBERO

Convegno disturbi alimentari legato alla mostra Punto e virgola e allo spettacolo Piena come un uovo.

Interverranno Daniela Atzeni e Arianna Carboni, psicologhe di Jonas Monza Brianza Onlus, la Compagnia Caterpillar e la fotografa Sara Castiglioni


 

Gli appuntamenti “Oltre il sipario” e “Prima del sipario” con Chiara Buratti non avranno luogo per motivi di salute della protagonista.

Informazioni

Biglietti: 12 euro; 10 euro ridotto per over 65, tesserati Spazio Kor, Biblioteca Astense, Trenitalia, FAI e Abbonamento Musei; 5 euro ridotto operatori e Under 25. 

Ad eccezione degli spettacoli La tecnica della mummia, A little gossip never killed nobody, Scusa se ti scrivo, Io sono invisibile, Tutti bene ma non benissimo, Piena come un uovo: 10 euro, 5 euro ridotto esclusivamente per operatori e Under 25.

Abbonamento a 5 spettacoli (a scelta tra tutti): 40 euro

Fuori abbonamento: Flux 5 euro biglietto unico (max 8 spettatori a turno), Spettacoli teatro amatoriale 8 euro, ridotto 5 euro fino a 12 anni, pacchetto ingresso tre serate 20 euro – 12 euro ridotto, biglietteria direttamente in loco (Informazioni e prenotazioni: 3791482324), La Piazza dei Balocchi offerta consigliata indicata direttamente in loco. 

Info e prenotazioni 0141.399057 - 0141.399040, biglietteria aperta fino al 13 giugno martedì e giovedì dalle 10 alle 17, dal 14 giugno a fine festival tutti i giorni dalle 15 alle 17, e nei luoghi di spettacolo un’ora prima dell’inizio. 

www.astiteatro.it , www.bigliettoveloce.it , www.comune.asti.it

https://www.facebook.com/AstiTeatro , https://www.instagram.com/astiteatro/

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium