/ Fotogallery

Fotogallery | 22 giugno 2024, 12:41

Cgil e Psi hanno omaggiato Giacomo Matteotti a 100 anni dal brutale omicidio [GALLERIA FOTOGRAFICA]

Questa mattina è stata scoperta una targa posta per ricordare il politico, simbolo di resistenza al regime fascista

Galleria fotografica a cura di Merfephoto - Efrem Zanchettin

Galleria fotografica a cura di Merfephoto - Efrem Zanchettin

Questa mattina, il segretario provinciale della CGIL Luca Quagliotti e il segretario provinciale del Partito Socialista Italiano Luca Castaldo hanno scoperto una targa, apposta di fronte all'ingresso della Camera del Lavoro di Asti, che ricorda l'Onorevole Giacomo Matteotti a cent'anni dal suo tragico assassinio per mano fascista.

La targa, elegante nella sua trasparenza, porta incisa una delle frasi più significative e celebri di Matteotti: “Uccidete pure me, ma l’idea che è in me non la ucciderete mai”. Queste parole, simbolo di resistenza e coraggio, risuonano ancora oggi come un monito contro l’oppressione e un inno alla libertà di pensiero.

Giacomo Matteotti, nato il 22 maggio 1885 a Fratta Polesine, fu un politico, giornalista e antifascista italiano, segretario del Partito Socialista Unitario. La sua vita fu brutalmente interrotta il 10 giugno 1924, quando fu rapito e assassinato da una squadra fascista guidata da Amerigo Dumini

Il suo corpo fu ritrovato solo due mesi dopo, il 16 agosto 19241. La sua morte scosse l’opinione pubblica mondiale e mostrò il vero volto del regime fascista di Mussolini, segnando un punto di svolta nella storia italiana.

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium