/ Politica

Politica | 18 luglio 2022, 19:04

Il coordinamento provinciale di Fratelli d'Italia contro il sindaco Rasero per il sostegno a Draghi

"La scelta più seria e responsabile e utile alla città di Asti, oltre che all’Italia, è andare a votare il prima possibile"

Mario Draghi

Mario Draghi

Non condividiamo minimamente l’appello che diversi sindaci, tra cui Maurizio Rasero, hanno promosso per sostenere la conferma di Draghi a Palazzo Chigi.

I sindaci hanno bisogno di certezze e di un quadro istituzionale capace di sostenere gli sforzi a cui gli stessi, insieme agli amministratori locali tutti, sono chiamati quotidianamente. È giunta l’ora che, anche a livello nazionale, l’Italia possa finalmente confidare in un governo reso forte e autorevole dallo stesso consenso popolare e soprattutto abbia un orizzonte temporale di 5 anni.

Oggi ai sindaci e all’Italia serve una guida con una visione chiara e che quindi possa prendere decisioni con una programmazione pluriennale.

Basti vedere la confusione sorta con i provvedimenti schizofrenici in tema di superbonus 110% oppure la fiumana di circolari sul bonus da 200 euro, volti a risolvere problemi interpretativi che hanno fatto impazzire pure i professionisti e le associazioni di categoria. Questo solo per citare alcuni degli ultimi provvedimenti.

A questi esempi si deve aggiungere ancora quanto segue.

Draghi non è favorevole al reddito di cittadinanza, eppure è lì ad avallare tale misura.

Draghi è per ristabilire la legge Fornero e non vuole sentir parlare di rottamazione di cartelle esattoriali, Non proprio il massimo per Lega e Forza Italia

Draghi ad oggi non ha prodotto provvedimenti per la classe media e il PNRR non è aggiornato alle difficoltà energetiche o di approvvigionamento e nulla di questa sua modifica pare essere in agenda in Europa.

Persino in politica estera, la difficoltà di mettere d’accordo tutti ha portato a una assenza di linea chiara.

In più, con tutti questi problemi c’è pure il PD che voleva calendarizzare la discussione su Ius Scholae e Cannabis libera, scelta che certamente Draghi non penso ritenga prioritaria.

Questi sono i fatti e, stranamente, si legge altro quando si aprono i giornaloni.

Capiamo il fascino della notorietà da mainstream ma la realtà delle cose molte volte non la si legge sulle pagine dei giornali nazionali, dove stranamente a prendere visibilità sono in preminenza gli esponenti del PD.

Le elezioni ci saranno al massimo tra 10 mesi e una maggioranza che comprende forze politiche di opposte visioni, così come è ora, non potrà che produrre un crescendo di distinguo e confusione, circostanze che non faranno bene neppure alla concretizzazione del PNRR tanto difesa.

La scelta più seria e responsabile e utile alla città di Asti, oltre che all’Italia, è andare a votare il prima possibile.

Ci associamo a quanto dichiarato dalla Presidente Giorgia Meloni che senza mezzi termini ha dichiarato: “Ci chiediamo anche se sia corretto che questi Sindaci che rappresentano tutti i cittadini che amministrano, anche quelli che la pensano diversamente, usino le istituzioni così, senza pudore, come se fossero sezioni di partito. La mancanza di regole e di buon senso nella classe dirigente in Italia comincia a fare paura”.

Il Coordinamento Provinciale di Fratelli d'Italia

Al direttore


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium