/ Attualità

Attualità | 11 novembre 2022, 19:15

"Ai veicoli di persone con disabilità è già consentito sostare gratis nelle aree a pagamento. Non è una gentile concessione ai cittadini"

Lo afferma Marco Castaldo, dopo la nota stampa dell'Amministrazione. "La toppa è peggiore della buca, rimanendo in tema di infrastrutture. Lo dico con sincero rammarico"

Marco Castaldo

Marco Castaldo

Sembra non finire mai la querelle sull'occupazione di diversi stalli per disabili in seguito al posizionamento delle casette del Magico Paese di Natale.

L'Amministrazione, nel pomeriggio di oggi, tramite nota stampa, ha fatto sapere che "Siccome con alcune casette si sono occupati degli stalli riservati al parcheggio delle auto delle persone con disabilità, la sosta di questi mezzi può avvenire, gratuitamente e senza incorrere in sanzioni, sugli stalli blu di piazza Alfieri esponendo il tagliando di riconoscimento sull’auto al momento della sosta". 

A tal proposito è intervenuto Marco Castaldo. Di seguito la nota stampa completa.

Con sincero rammarico mi corre l’obbligo chiarire alcuni aspetti relativi ai parcheggi disabili di Piazza Alfieri occupati dalle casette del magico Natale.

Mi riferisco all’ultima precisazione del Comune di Asti riguardo la possibilità di parcheggiare i veicoli in possesso del permesso di parcheggio per disabili anche negli stalli blu gratuitamente e senza incorrere in contravvenzioni. Il decreto “infrastrutture e trasporti” 121/2021, successivamente convertito in legge, ha introdotto la seguente disposizione: “Ai veicoli al servizio di persone con disabilità, titolari del contrassegno speciale ai sensi dell’articolo 381, comma 2, del regolamento, è consentito sostare gratuitamente nelle aree di sosta o parcheggio a pagamento, qualora risultino già occupati o indisponibili gli stalli a loro riservati”.

Considerato che non posso minimamente dubitare sulla competenza dei nostri amministratori in tema di disposizioni e normative, intravedo, con un certo dispiacere, l’intenzione, da parte dell’amministrazione comunale, di far passare il messaggio alla cittadinanza tutta che il Comune, per sopperire ad un disservizio ormai palesemente evidente, si prodighi in una gentile concessione nei confronti dei cittadini portatori di disabilità, concedendo loro un beneficio che di fatto è già previsto dalle normative vigenti in tema di codice della strada.

Rimanendo in tema di infrastrutture trasporti si può tranquillamente dire che: “La toppa è peggiore della buca”.

All’inizio esprimevo il mio rammarico al riguardo perché ritengo che, come già espresso precedentemente, in tema di inclusione dei soggetti più fragili si possono e si devono pretendere valutazioni ed esercizi di intelligenza applicata ben più alti che non la bieca disamina del numero di pennellate gialle che devono essere garantite per legge a coloro che ne hanno diritto. Sono ancora convinto che questo sforzo comune sia possibile, oltre che auspicabile, e credo, pertanto, necessario porre fine a questa discussione senza che ci sia la necessità di dover necessariamente avere sempre l’ultima parola, anche a costo di dover ammettere un errore o la mancanza di una adeguata valutazione/programmazione.

Marco Castaldo

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium