/ Attualità

Attualità | 17 novembre 2022, 10:24

Papa Francesco è cittadino onorario di Asti: approvato il conferimento all'unanimità [FOTO]

Ieri serata emozionante in Consiglio comunale. Il sindaco Rasero: "Clima di condivisione". AstiOltre: "L'augurio è che la imminente visita del Santo Padre non si traduca nella solita parata degli opportunismi mediatici"

MerfePhoto

MerfePhoto

Una serata emozionante e unica nel suo genere. Domenica con la visita ad Asti, Papa Francesco sarà anche suo cittadino onorario.

Ieri sera infatti il Consiglio Comunale ha approvato all’unanimità il conferimento della cittadinanza che avverrà in occasione della visita del Santo Padre, domenica 20 novembre 2022.

Il sindaco Maurizio Rasero nel ringraziare tutti i consiglieri comunali per aver accolto, da subito, con entusiasmo e partecipazione la proposta di conferimento spiega: “La serata di ieri è stato uno dei momenti più belli ed emotivamente coinvolgenti della mia ventennale esperienza amministrativa. Era percepibile in aula un clima di condivisione ed emozione emerso chiaramente anche attraverso gli interventi di alto valore susseguitisi nel corso della serata”.

In merito interviene anche l'associazione AstiOltre: " L'augurio è che la imminente visita del Santo Padre, figlio di emigranti che torna in visita alla terra degli avi, non si traduca nella solita parata degli opportunismi mediatici e propagandistici. Ci auguriamo che prevalgano i contenuti e che lo storico fine settimana che ci accingiamo a vivere non si riduca per molti alla solita festa di strapaese fatta di selfie in posa e di ipocrisie. Un voto all'unanimita' per un Consiglio comunale è sempre un bel segnale. Ma non dimentichiamo che tra chi ha votato per la cittadinanza onoraria a Francesco ( miracolo!) c'è anche chi fino all'altro ieri scriveva sul web "io non ho un Papa" negando il carisma del neo cittadino onorario; c'è una maggioranza che, a livello locale e nazionale, condivide e sostiene tesi diametralmente opposte al messaggio di Papa Francesco e c'è chi usa metodi inaccettabili perfino nella gestione delle cose di Palio, simbolo delle libertà comunali, svilendone il significato e calpestandone la storia di apertura e coinvolgimento, come è accaduto solo due giorni fa, con una mortificante elezione lunare ( e minoritaria) del Capitano. Noi crediamo, più che alla forma, alla sostanza del messaggio di Francesco. Ci auguriamo che la sua venuta porti consiglio. Asti ne ha bisogno, come dell'ossigeno".

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium