/ Politica

Politica | 09 febbraio 2021, 16:30

Cerruti (M5S): “Perché l’Amministrazione si ostina a non far sapere chi ha pagato la tappa del Giro”?

Nuovo affondo del capogruppo pentastellato, secondo cui nella vicenda “sono in gioco le regole democratiche e la trasparenza”

La risposta dell'Amministrazione ritenuta inadeguata da parte del Movimento 5 Stelle

La risposta dell'Amministrazione ritenuta inadeguata da parte del Movimento 5 Stelle

Massimo Cerruti, capogruppo M5S in Consiglio comunale, torna sui costi sostenuti per ospitare la tappa del Giro d’Italia 2020, tema in merito al quale: “Dal 13 agosto, giorno in cui avevamo formalmente chiesto dati, nomi e documenti sulla tappa del Giro, siamo ancora e sempre in attesa. La legge concedeva 30 giorni di tempo massimo, spiega. Specificando che l’unica risposta ufficiale è quella, ritenuta inadeguata e ora resa pubblica, risalente allo scorso settembre.

Conseguentemente, i pentastellati hanno proceduto ‘in proprio’ e, scrive ancora il capogruppo: “Da nostre difficoltose ricerche, in attesa di conferma o smentita, fra le spese sostenute sembrerebbe esserci”:

  • A favore di RCS Sport (109.800,00 euro);

  • Lavori di sistemazione stradale (40.926,78 euro);

  • Lavori rotatoria P.zza Alfieri/C.so alla Vittoria (950,00 euro);

  • Servizio stampa su materiale cartaceo (6.467,22 euro);

  • Servizio di riproduzione video (1.300,00 euro);

  • Mascherine, locandine e banner, t-shirt (1.409,10 euro);

  • Moquette per scala palco Teatro Alfieri (549,00 euro);

  • servizio PTP con capacità Gigabit (305,00 euro)

  • poi vi sono altre spese indirette di cui non si conosce l’entità

Su chi abbia pagato tutto ciò non ci sono ancora nomi, top secret afferma Cerruti – Così come per le convenzioni, gli allegati ed i bilanci”.

La Banca di Asti, se confermato l’importo della Delibera del 28/01/2020, si sarebbe accollata tutti i 109.800 euro e sarebbe già una notizia. Il resto non si sa. Da voci sembrerebbe che, fra i contribuenti, vi sia anche l’ASP”, prosegue.

Affermando poi che la questione “assume tutta un’altra portata, ben più grave. Vi sono in gioco le regole democratiche e la trasparenza, bistrattate entrambe malamente più volte da questa Amministrazione”.

“Secondo voi è giusto che ai Consigliere Comunali, eletti appositamente dai cittadini per controllare ed informare, venga deliberatamente negata la possibilità prevista da regolamento di avere elementari informazioni certe entro i termini di legge? Dopo mesi e mesi, quanto dovremo ancora aspettare? Cosa c’è da nascondere?si chiede polemicamente Cerruti.

Concludendo perentoriamente: “E sia chiaro, le risposte ci spettano nero su bianco con tanto di documenti ufficiali e non attraverso soliti comunicati di propaganda”.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium