/ Cronaca

Cronaca | 07 gennaio 2021, 08:17

13enne morto in via Guerra a Capodanno. È stato il proiettile di un fucile da caccia ad ucciderlo

Il risultato dell'autopsia conferma le ipotesi del primo momento. Il colpo sparato a distanza molto ravvicinata. Al momento non ci sono indagati

Carabinieri e Polizia al campo di via Guerra ad Asti

Ieri al campo di via Guerra

È stato il proiettile di un fucile da caccia, calibro 12, sparato a distanza molto ravvicinata ad uccidere il giovane Roudin Seferovic, morto a 13 anni la notte di Capodanno.

L'esito dell'autopsia, disposta dalla procura di Asti sul corpo del giovane, ha confermato la causa del decesso nella profonda emorragia all'addome causata dallo scoppio del proiettile, recuperato vicino al fegato del giovane.

Da ieri sono state disposte perquisizioni all'interno del campo da 50 Carabinieri del Comando Provinciale di Asti e al momento non risultano indagati, non si esclude una tragica fatalità durante i festeggiamenti.

Le indagini sono svolte dal Reparto Operativo dei Carabinieri e dalla Procura.

Il ragazzo, per festeggiare l'arrivo del nuovo anno, stava giocando, quando è stato colpito. Trasportato all'ospedale Cardinal Massaia di Asti dalla famiglia, è arrivato in arresto cardiaco e a nulla sono valsi gli sforzi dei sanitari per salvargli la vita.

Betty Martinelli

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium