/ Attualità

Attualità | 08 dicembre 2019, 09:30

Israt, Associazione Franco Casetta: "Anche oggi come allora seguirà l'impegno civile di opporsi"

Riceviamo e pubblichiamo l'appello dell'Associazione Franco Casetta di Canale, per il taglio fondi all'Israt di Asti

Israt, Associazione Franco Casetta: "Anche oggi come allora seguirà l'impegno civile di opporsi"

Riceviamo e pubblichiamo l'appello dell'Associazione Franco Casetta di Canale, per il taglio fondi all'Israt di Asti.

A nome dell’Associazione Franco Casetta, presidio della memoria della XXIII Brigata Canale e della lotta resistenziale nel Roero, attiva da oltre un decennio per la promozione dei principi e dei valori della Resistenza, esprimiamo la nostra indignazione per il mancato contributo economico all’Istituto Storico della Resistenza di Asti (ISRAT).

La decisione dell’amministrazione comunale di Asti, di operare un taglio ai fondi destinati al sostegno dell’attività dell’ISRAT, mette a serio rischio la piena operatività dell’istituto: lo studio e la ricerca storica svolto sul territorio, ma soprattutto il lavoro di approfondimento nelle scuole sui fenomeni di xenofobia, razzismo, antisemitismo e altre forme di discriminazione.

Riprendendo l’esortazione di un veterano della Resistenza francese, Stéphane Hessel, la nostra indignazione scaturisce dalla presa di coscienza che non si possa più salvaguardare nel tempo le conquiste sociali nate dopo la Liberazione. Alcune di queste, come il diritto alla cultura e all’educazione per tutti, la stampa affrancata dal potere e dalla corruzione, cessano di essere garantite perché gli amministratori non sono in grado di sostenerne i costi. Ci domandiamo se sia possibile che oggi manchi il denaro, o se sia piuttosto il potere del denaro, fonte inesauribile di disuguaglianze sociali, mai stato così forte e mai come oggi siano stati così incoraggiati individualismo, intolleranza e competizione ad oltranza di tutti contro tutti.

Il motore della Resistenza era l’indignazione.

L'impegno civile di opporsi

Anche oggi, dalla stessa lucida emozione, seguirà l’impegno civile per opporsi affinché la nostra comunità non sia privata di un tale patrimonio storico. Un’istituzione preziosa per studenti, ricercatori ed insegnanti, riconosciuta come referente territoriale della Regione per la difesa e la diffusione dei valori della Resistenza, della Costituzione e della cittadinanza attiva, le cui iniziative e pubblicazioni non possono cessare di essere sostenute. A meno di voler equiparare questa officina della Resistenza, dotata di archivio storico, biblioteca, emeroteca, videoteca ed audioteca, ad una bocciofila o ad una palestra per la terza età, la cui sopravvivenza è legata ad una responsabilità economica del Comune e dunque “ai dolorosi no” dell’amministrazione.

Creare è Resistere. Resistere è creare.

Creazione di un tavolo tecnico

La creazione di un tavolo tecnico per la risoluzione del mancato sostegno economico all’ISRAT è all’orizzonte, ma è difficile dire quale saranno le soluzioni che usciranno da tale incontro. In concerto con altre associazioni, movimenti, sindacati e soggetti sensibili all’eredità della Resistenza ci appelliamo affinché al tavolo si superino le difficoltà manifestate nel reperimento di nuove risorse economiche.

Ci appelliamo infine affinché si lavori tutti, cittadini attivi e consapevoli, insieme a studenti, genitori, nonni, educatori, per dare supporto e solidarietà all’istituto attraverso le iniziative che saranno promosse nei prossimi giorni.

Associazione "Franco Casetta" per la Resistenza

Al direttore

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium