/ Al Direttore

Al Direttore | 05 novembre 2022, 10:30

Post su Boldrini, AstiOltre: "Il sindaco pretenda dimissioni di Venturini anche dal Consiglio comunale"

Anche l'associazione AstiOltre interviene nel dibattito, tramite nota stampa

Post su Boldrini, AstiOltre: "Il sindaco pretenda dimissioni di Venturini anche dal Consiglio comunale"

Riceviamo e pubblichiamo una nota stampa a firma di AstiOltre, in merito alla querelle sul post pubblicato dal consigliere comunale Roberto Venturini.

Senza scendere sul personale, non possiamo fare a meno di esprimere la nostra opinione sulla polemica riguardante un post del consigliere comunale di Fratelli d'Italia, che evitiamo di nominare, designato peraltro recentemente alla guida della Commissione cultura.

Il tutto nasce da un post volgare e becero, di contenuto denigratorio non solo nei confronti della diretta destinataria,on. Laura Boldrini, ma di tutte le donne che si ispirano ad ideali di sinistra.

La difesa, sia politica che familiare, del consigliere in oggetto appare inconsistente e patetica. L'argomentazione principe, risibile e tipica da difesa d'ufficio, e' che si tratterebbe di condivisione di un contenuto che circola in rete e non di un testo proprio. Se da un punto di vista legale potrebbe essere una attenuante, dal punto di vista politico e morale si tratta di giustificazione che peggiora ulteriormente la situazione. Possibile che un esponente politico da poco eletto addirittura alla guida di un organismo di indirizzo culturale possa condividere (quindi fare propri) contenuti di cosi infimo livello? Quindi, scusa risibile che aggrava la situazione per una azione ignobile di un esponente pubblico che si vorrebbe fare passare per uomo mite e colto. Una persona colta non scrive o condivide contenuti come quelli partoriti dal consigliere in oggetto.

Ma non e' tutto. L'attacco alle donne non e' che l'ultimo di una serie di exploit del consigliere, nostalgico di chiara fama, che da tempo usa i social come una clava. Bastino come esempi gli insulti rivolti al segretario del pd Enrico Letta e altre performances facilmente rintracciabili in rete e passibili di denuncia alla Polizia postale (di fronte a certi sproloqui valgono solo le denunce).

Ma il caso politicamente piu' grave, a nostro modo di vedere, e' rappresentato da un post in cui, accanto all'effigie di Papa Woityla, appare il commento del consigliere che afferma: "oggi io non ho un Papa".

Opinione legittima, ma come si concilia la posizione del neo Presidente della Commissione cultura del Comune con la decisione della Giunta di attribuire la cittadinanza onoraria a Papa Francesco in occasione della imminente visita ad Asti?

Ci si pone poi un altro interrogativo: come può una città come Asti aspirare al titolo di Capitale italiana della cultura quando amministratori di maggioranza assumono pubblicamente posizioni di tale grettezza e volgarità, rivelatrici di un infimo livello di cultura e totale assenza di senso delle relazioni umane ed istituzionali? Quale immagine, quale idea di cultura comunica all'esterno una città alla cui guida ci sono personaggi di tale livello intellettuale?

Se ha senso attribuire la cittadinanza onoraria a Papa Francesco, in omaggio al suo alto magistero ed alle sue radici astigiane, non ha alcun senso la permanenza del consigliere in oggetto alla guida di un organismo elettivo di indirizzo come la Commissione cultura del Consiglio comunale.

Il sindaco pretenda le sue dimissioni non solo dalla Commissione, ma dal Consiglio comunale, a tutela del prestigio del Consiglio, di qualsiasi iniziativa comunale in omaggio al Papa, a partire dall'attribuzione della cottadinanza onoraria, e della stessa candidatura a Capitale italiana della cultura.

AstiOltre

Al direttore


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium