/ Politica

Politica | 17 novembre 2022, 12:51

Si vota su Venturini e gli uomini dell'opposizione lasciano l'aula

Protesta in Consiglio comunale correlata al post anti-Boldrini del consigliere. Briccarello (Uniti si può) attacca maggioranza e Giunta: "Passi uno scivolone, ma non ignorare completamente la tematica del linguaggio sessista"

Nell'immagine (ph. Efrem Zanchettin - Merfephoto) un momento dell'intervento di Vittoria Briccarello, rimasta in aula insieme alla collega Maria Ferlisi.

Nell'immagine (ph. Efrem Zanchettin - Merfephoto) un momento dell'intervento di Vittoria Briccarello, rimasta in aula insieme alla collega Maria Ferlisi. A fine articolo altri scatti relativi la seduta del Consiglio

Nella stessa seduta in cui è stata votata all’unanimità la concessione della cittadinanza onoraria a Papa Francesco (CLICCA QUI per rileggere l’articolo), il Consiglio comunale cittadino ha visto anche l’attuazione di un momento di protesta da parte dei consiglieri di opposizione.

Nel momento in cui è iniziata la discussione relativa l’ingresso del consigliere Roberto Venturini nella Commissione Cultura, che l’esponente di Fratelli d’Italia è candidato a presiedere, tutti i consiglieri maschi dell’opposizione sono usciti dalla sala, lasciando in rappresentanza delle minoranze Vittoria Briccarello (Uniti si può) e Maria Ferlisi (Partito Democratico)

La protesta, ovviamente correlata ad un post Facebook anti-Boldrini pubblicato dallo stesso Venturini (CLICCA QUI per rileggere l’articolo), è stata organizzata non soltanto in ‘risposta’ a quel post “Ma anche – come ha precisato la consigliera Briccarello, da noi interpellata – in relazione alle non risposte conseguite”.

BRICCARELLO: DA MAGGIORANZA E GIUNTA SOLO 'NON RISPOSTE'

“Abbiamo visto un post infelice – ha proseguito -, che ha in sé una matrice di sessismo molto evidente. Era rivolto all’Onorevole Boldrini, ma indipendentemente da chi sia la destinataria e da chi lo rivolge, la sostanza non cambia. Venturini non ha mai chiesto scusa per quel post, ma soprattutto abbiamo registrato le ‘non risposte’ da parte della maggioranza e la non presa di distanza da parte dell’assessore alle Pari Opportunità Eleonora Zollo, che ha ritenuto un eventuale presa di distanza sarebbe stata ‘un atto doloso’. Tutto ciò è gravissimo”.

I colleghi sono usciti per evidenziare sdegno e rammarico, oltre che per esprimere solidarietà a tutte le donne e prendere la distanza dall’operato di Maggioranza e Giunta – ha proseguito Briccarello –, mentre io e la collega del PD siamo rimaste in aula perché le battaglie per i diritti vanno condivise. Io le condivido e combatto tutte come fossero mie, ma sono convinta che la legittimità di esse spetti sempre a chi porta le dirette conseguenze delle offese, quindi in questo caso tutte le donne”.

"GRAVISSIMO SI IGNORI LA TEMATICA DEL LINGUAGGIO SESSISTA"

“In quell’aula, ieri sera, si è parlato tanto di Fraternità ha concluso – e mi sarebbe davvero piaciuto che quel concetto così importante fosse stato applicato anche nell’affrontare in modo costruttivo questa vicenda e rimarcare l’importanza del linguaggio. Viviamo in un Paese in cui ogni 72 ore una donna viene uccisa, da un ex o dal compagno, quindi la tematica del linguaggio sessista è attualissima e gravissima, perché ci condiziona fin dalla nascita. Posso anche capire uno scivoloni sul singolo caso, ma non che venga ignorata un’intera tematica”.

Gabriele Massaro


Vuoi rimanere informato sulla politica di Asti e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo ASTI
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediAsti.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP ASTI sempre al numero 0039 348 0954317.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium